Cefalù, soldi a palate tra le strisce blu: in tre mesi incremento del 258%

Bilancio positivo dopo tre mesi di gestione dei parcheggi pubblici da parte del Municipio. A maggio il Comune ha incassato 12.596 ero euro in più rispetto all’anno precedente. Lo scarto positivo è salito a 29.858 euro nel mese di giugno ed è ancora aumentato a 42.678 euro in più nel mese di luglio. A diffondere i dati è lo stesso Municipio. Soddisfatto il sindaco di Cefalù, Rosario Lapunzina. «Chiusa la pagina degli affidamenti ai privati – commenta il primo cittadino –  il Comune ha attuato una mezza rivoluzione attuando un punto fondamentale del mio programma elettorale. Il piano ha ridisegnato la mappa degli stalli destinati alla sosta libera e di quelli riservati ai residenti per i quali sono stati aumentati gli spazi a disposizione ed è stata prevista la possibilità di acquistare abbonamenti a prezzi agevolati per gli stalli a pagamento. In aggiunta a quelli riservati con il precedente assetto, i cefaludesi possono sostare gratuitamente anche in via maestro Pintorno, sul lato sinistro del senso di marcia, dal liceo classico fino al civico 63 e dall’intersezione di via Vazzana fino a quella con via Bellini, in via generale Prestisimone e in via Aldo Moro». Lo stesso sindaco fa notare che sono diminuiti i posti auto a pagamento passando da 752 a 680. «Malgrado ciò – continua – gli incassi sono aumentati. Con la gestione diretta da parte del Comune non viene infatti riconosciuto, come si faceva prima, il 33 per cento ai privati mentre le spese per la vendita delle schede non superano il 15 per cento».

Soddisfazione anche dal vice sindaco, Enzo Terrasi, che fa notare come il bilancio non è completo senza il riferimento al dato delle multe. Sotto la gestione privata al Comune, infatti, venivano versati in media poco più di nove mila euro al mese. Con la gestione diretta, invece, in tre mesi sono stati contabilizzati quasi quarantacinquemila euro. Dal Municipio fanno anche sapere che a regime il sistema “gratta e sosta” sarà rimpiazzato dal controllo elettronico delle aree di parcheggio. È stata già aggiudicata la gara per i nuovi parcometri che saranno installati fra meno di un mese. Un sistema di sensori rileverà eventuali irregolarità e per via informatica trasmetterà i dati in tempo reale ai terminali della polizia municipale. In questo modo la Polizia Municipale potrà assicurerà un monitoraggio costante risparmiando risorse umane. «A quel punto – conclude Terrasi – si potrà dire che il nuovo piano sarà completamente attuato. I risultati ci incoraggiano ad andare avanti. Se ne devono fare una ragione quelli che continueranno, per amore di polemica, ad arrampicarsi sugli specchi».

 

1 COMMENT

  1. Caro direttore, leggendo l’articolo di cui sopra, qualche riflessione come si sol dire, sorge spontanea, A Cefalù, siamo sempre pronti a guardare il bicchiere mezzo vuoto anche quando siamo in presenza di una bottiglia piena e probabilmente anche di una moglie ubriaca?
    Non ci rendiamo conto che la nostra amministrazione questa estate è riuscita a risolvere l’annoso problema dei parcheggi nella nostra cittadina? Vero è a darci una mano è stato qualche privato, vista la nascita di un nuovo parcheggio agli artigianelli (occhio e croce 3/400 posti) e l’assenza delle giostre nello storico parcheggio del lungomare (almeno un altro centinaio di posti in più).
    Allora cosa ha fatto il comune? Innanzi tutto con la gestione in proprio delle STRISCE BLU ha diminuito tali stalli da 752 a 680 (BEN 72 posti in meno!!!), fa niente se il parcheggio della scuola media quest’anno non è stato reso disponibile per i residenti e poco importa se tali 752 stalli sono stati tutti adeguati ad una tariffa oraria di € 1 all’ora (e ancora meno ci deve importare se in passato si gridava all’ingiustizia perché non ci veniva concesso di pagare il parcheggio in suddette strisce frazionando l’ora).
    In compenso ci è stato concesso il parcheggio selvaggio, è lecito parcheggiare in curva, sui marciapiedi o sui passi carrabili, in doppia fila o in posti privati, si perché se il corpo di polizia municipale era già considerato sotto numero per la nostra cittadina (soprattutto nella stagione estiva), adesso è totalmente impegnato nella lotta ai trasgressori delle strisce blu.
    Quindi la viabilità che si regolamenti da sola, nei varchi abbiamo piazzato un po’ di ragazzini pagati??? Boh poco importa non è dato saperlo ma soprattutto sono abbastanza inesperti ed inadeguati allo svolgimento di tali mansioni.
    Un ultima riflessione di natura totalmente economica mi viene in mente pensando agli enormi ricavi che la nostra amministrazione sta avendo dalla gestione di tali strisce: Alla voce uscite del bilancio trimestrale di tale gestione, non dovrebbero comparire stipendi e contributi dei vigili urbani preposti a tale controllo?
    Si probabilmente adesso le casse del nostro municipio con queste superlative entrate sono floride e sorridenti, Una decina di persone (famiglie) Cefaludesi sono disoccupati, insomma c’è da essere felici e contenti, alle prossime elezioni da “LIBERALE DI DESTRA CONVINTO”, sarò costretto a votare a SINISTRA almeno loro si che pensano al SOCIALE.

Lascia un commento