Da Geraci l’appello di Bartolo Fazio: «Solo se cadono i campanili si può sognare»

«Le Madonie sono una terra di eccellenze, ricca di biodiversità di ogni tipo, tra queste. Alcune opere sono rimaste incompiute. Chiedo a Mangia di resistere ancora, dobbiamo continuare a lottare tutti insieme. Solo se cadono i campanili si può sognare. Attorno alle imprenditorie si può attuare un nuovo modello di sviluppo, ma serve unità». E’ l’appello lanciato domenica mattina dall’ex senatore Bartolo Fazio a conlusione della conferenza “Verso un turismo relazionale e del benessere. Analisi, prospettive, governance, iniziative imprenditoriali e culturali” che si è tenuta a Geraci Siculo.
È stato il primo dei tre incontri inseriti all’interno della rassegna “Incontri d’Estate a Geraci” giunta alla terza edizione organizzata dall’Associazione “Patto per Geraci”, presieduto da Franco Scancarello, che continuerà nelle mattinate di domenica 28 agosto (“Riforma della Costituzione. Referendum Confermativo”) e di domenica 4 settembre (“La solidarietà e l’impegno verso gli ultimi. Contribuire alla raccolta fondi per il potenziamento dell’Ospedale in Burundi, realizzato con i fondi e le offerte della solidarietà siciliana”). Tutti e tre momenti culturali si svolgeranno presso la Sala Conferenza del Convento dei padri cappuccini di Geraci Siculo.
A introdurre e moderare i lavori della conferenza è stato lo stesso Scancarello che ha subito chiarito lo scopo primario di Incontri – d’Estate 2016 che è quello di portare all’attenzione dei cittadini delle Madonie 3 temi di grande interesse ed attualità. Il “Patto per Geraci” vuole stimolare e coinvolgere tutte le professionalità e le intelligenze disponibili, ,coinvolgendo in primo luogo i giovani studenti, al fine di elaborare una nuova e più adeguata Strategia di sviluppo partecipata e democraticamente condivisa dell’Area Snai che coinvolga oltre agli amministratori dei 21 comuni delle Madonie e dei 7comuni costieri anche l’intera società civile che, come prevede la normativa di riferimento, organizzando e stimolando una vera animazione territoriale, che abbia la effettiva possibilità di elaborare proposte che trovino accoglienza nella stessa, La Direttrice dell’IDIMED (Istituto per la promozione e la valorizzazione della dieta del Mediterraneo) dott.ssa Francesca Cerami è stata la prima ad intervenire. Gli intenti dei lavori divengono così subito palesi: «la dieta mediterranea può essere strumento di sviluppo economico – dichiara la dott.sa Cerami – dobbiamo trasformare le nostre tipicità in valori di successo e fare della nostra dieta un’attrattiva». I dottori e ricercatori del Policlinico di Palermo Francesca Di Gaudio e Aldo Messina hanno poi indottrinato i presenti su come viver sani nel nostro territorio sfruttando al meglio le nostre risorse primarie, come l’acqua ad esempio. Il professor Fasone, Presidente del Corso di Laurea in Economia Aziendale dell’Università Kore di Enna, ha poi istruito sulle nuove forme di turismo che stanno prendendo piede al momento e che possono essere valido strumento di crescita economica nelle Madonie. «La sharing economy – illustra Fasone – può dare sviluppo, ma è bene che pubblico e privato lavorino insieme per il bene collettivo». Esempio di ciò certamente è il comune di Isnello come ha annunciato il suo Sindaco dott. Pino Mogavero, che ha con orgoglio annunciato l’inaugurazione del GAL Hassin per l’11 settembre prossimo. Sarà un parco astronomico di ultimissima generazione in cui si potrà fare ricerca di frontiera grazie anche all’installazione di un telescopio “a grande campo” su monte Mufara a 1865 mt sul livello del mare attraverso il quale si potrà osservare il cielo per una superficie dieci volte la luna piena. A rimarcare l’importanza della collaborazione tra pubblico e privato è stato l’imprenditore di successo Antonio Mangia, presidente di AEROVIAGGI, Madonie Terme Benessere e Iniziativa Turistica Geracese. «Se non si aiuta l’imprenditoria è impossibile sognare – dichiara Mangia – nutro forte la volontà di creare qualcosa per il territorio, è questo lo spirito di ogni imprenditore. La Sicilia è vista come una delle mete più ambite, è un momento magico per il turismo, adesso è il momento in cui bisogna dedicarsi al turismo nelle Madonie. Ho il sogno di realizzare le Terme a Geraci Siculo, spero che il mio sogno e il sogno di tanti geracesi un giorno possa realizzarsi, intanto in pochi mesi sono riuscito ad Acquistare, grazie all’instancabile interessamento e instancabile sostegno del Sindaco On Magda Culotta, sono riuscito a chiudere un’operazione finanziaria di 25 milioni di euro per l’acquisto e la ristrutturazione dell’Ex Valtur di Pollina che vi assicuro sarà riaperto al massimo tra 10 mesi», Mangia ha dichiarato anche che SOSVIMA e la Governance attuale delle Madonie non si sono spesi per nulla a sostenere i suoi ingenti investimenti per le 2 iniziative potate avanti da Aeroviaggi e dalla Madonie Terme e Benessere e ha concluso chiedendo con forza al Presidente Ficile di motivare tali comportamenti e di metterlo a conoscenza su cosa ha fatto per le Madonie e come giustifica il suo stipendio e le altre spese della società che gravano interamente nelle tasche dei contribuenti madoniti.

2 COMMENTS

Lascia un commento