Cefalù: poliziotto trova un bambino francese che si era smarrito sul lungomare

Il piccolo francese di undici anni, dal nome Alexandre, si era smarrito nella tarda mattinata di ieri nei pressi del Lungomare. Per i genitori che non lo trovavano sono stati momenti di disperazione. Hanno lanciato l’allarme e i poliziotti del commissariato di pubblica sicurezza si sono messi alla sua ricerca. Trovarlo non è stato facile. Il piccolo, infatti, non parlando l’italiano comincia a vagare alla ricerca dei suoi genitori. Senza rendersene conto lascia il lungomare e si dirige verso il centro storico. Sbarca su corso Ruggero. Sulle sue tracce finisce un poliziotto del locale Commissariato che, libero dal servizio ma venuto a conoscenza dell’accaduto e della descrizione del piccolo, lo ha rintracciato mentre si aggirava con lo sguardo smarrito e in evidente ricerca di aiuto nei pressi della Piazzetta Spinola.

Autore del ritrovamento del piccolo quando già anche altre forze di polizia si stavano attivando girando in lungo e in largo tutte le strade del paese, è stato il sovrintendente della Polizia di Stato Rosario Cammarata, che parlando correntemente anche la lingua francese non appena individuato il bambino lo ha da subito rassicurato comunicandogli di essere della Polizia e che i suoi genitori lo stavano aspettando nel suo Ufficio. Il bambino è scoppiato in un pianto liberatorio e quasi istintivamente, come a voler raggiungere immediatamente i propri genitori, è salito a bordo del ciclomotore con in quale il sovrintendente si era messo alla sua ricerca. Alla consegna del bambino ai genitori, questi non hanno mancato di tributare il loro ringraziamento e la loro riconoscenza al Sovrintendente Cammarata.