Cefalunews

A Palermo una rivoluzionaria scoperta: energia elettrica con l’acqua del mare

Accendere una lampadina con l’acqua di mare. Da oggi si può. Energia pulita a basso costo e a impatto ambientale zero e al contrario di quella eolica o solare non ha bisogno della presenza di vento o luce diurna per essere prodotta. Lo hanno dimostrato un gruppo di studiosi del dipartimento di Ingegneria dell’Università di Palermo: Giorgio Micale, Michele Ciofalo, Onofrio Scialdone, Andrea Cipollina e Alessandro Tamburini. Hanno prodotto il primo prototipo sperimentale per la produzione di energia elettrica da acque di salina e acqua di mare con la tecnologia di elettrodialisi inversa. L’energia ottenuta è quella cosiddetta “da gradienti salini”, che si origina dalla miscelazione di due soluzioni saline a diversa concentrazione: energia chimica che può essere convertita direttamente in una forma utilizzabile come l’energia meccanica o elettrica attraverso processi controllati. Miscelando soluzioni diversamente concentrate si genera infatti un flusso di ioni che può essere catturato e sfruttato per produrre elettricità. Il prototipo messo a punto è il primo al mondo a generare energia elettrica da salamoie di salina e acqua salmastra, riuscendo a sviluppare una potenza di quasi 1kW senza produrre alcun tipo di emissioni inquinanti nell’ambiente. Inoltre, lo sviluppo della tecnologia di elettrodialisi inversa dalla scala di prototipo di laboratorio a quella di impianto pilota funzionante è la novità tecnologica sviluppata all’università di Palermo.

Siamo di fronte ad una soluzione rivoluzionaria in tempi di crisi energetica, tecnicamente possibile grazie all’impiego di speciale membrane messe a punto da Fuijfilm nell’ambito del progetto europeo Fp7 ReaPower. Un progetto rivoluzionario al punto che ha suscitato anche l’interesse di Superquark: la trasmissione televisiva di Piero Angela ha dedicato un servizio alla scoperta. “Siamo interessati a divulgare idee innovative che hanno un risvolto pratico e che possono potenzialmente cambiare la vita delle persone – commenta Barbara Bernardini, documentarista scientifica di SuperQuark – La produzione di energia da una fonte alternativa così insolita come il gradiente salino è assolutamente interessante, tutta la redazione è stata più che entusiasta di venire a Palermo a riprendere quella che si candida a essere un’eccellenza italiana”.


Related posts

Cefalù, motociclisti per terra: tutta colpa di una striscia d’olio

Redazione

Il 2 agosto la quinta edizione del piano bar per gli emigrati

Redazione

Palermitano in cella per 20 mesi. E’ innocente ma non viene risarcito

Redazione

Rischio sismico: finanziamenti sulle Madonie ma non a Cefalù

Redazione

Concorso “Il Borgo degli Ulivi” a San Mauro: i Vincitori e le novità

Nino Daino

Automobilisti ancora nel mirino: arrivano multe per pass sbiaditi

Redazione

Cefalù: tornano in modo stabile i pupi siciliani

Redazione

Meteo, previsti temporali al Sud

Redazione

Rod Stewart in vacanza a Cefalù si ferma a cenare al Kentia

Redazione

Bimba di due anni morsa al volto da un cane: 19 i punti di sutura

Redazione

Campofelice: aggredisce dipendente postale con un’ascia

Redazione

Acqua Verde Cefalù, tutte le informazioni per la vostra giornata

Redazione

Da cefalunews arrivano gli auguri ai vescovi Mazzola e Marciante

Redazione

Una cefaludese all’esame di maturità con la realtà virtuale

Redazione

Travolta da un’auto pirata, ragazza in ospedale. E’ grave

Redazione

Cefalù, incidente alle porte della città

Redazione

Il vigile urbano non esiste più. Per Cefalù più sicurezza per i cittadini

Redazione

Stasera il festino di santa Rosalia: tantissimi i cefaludesi a Palermo

Redazione

Combina incontro in hotel tramite chat: trova la sorella della moglie

Redazione

La rosticceria alle porte di Cefalù con una tradizione di mezzo secolo

Redazione

Dal Codacons, il decalogo per sfuggire alle truffe online

Redazione