Per Giusi Farinella ottimi i risultati del turismo a luglio e agosto

Riceviamo e pubblichiamo: 

«I mesi di luglio ed agosto hanno ‘salvato’ la stagione iniziata “così così” nella nostra Cefalù.
I primi dati non ufficiali sul turismo regalano un incoraggiante +3/5% sulle presenze nelle strutture ricettive nei mesi clou dell’estate, luglio ed agosto e la tendenza per il mese di settembre sembra positiva, secondo le prenotazioni. Si tratta di dati da prendere con le classiche ‘pinze’, in attesa di quelli ufficiali che chissà quando e se arriveranno. E’ andata bene nei mesi di luglio ed agosto, soprattutto per gli stranieri a luglio e gli italiani ad agosto.

Settembre dovremo ringraziare i francesi che è sempre importante ed una “costola” fondamentale per il turismo cefaludese. Sono i due mesi che, anche negli anni scorsi (quelli della grande crisi) hanno sempre dato una mano agli operatori turistici, dopo primavere non eccezionali. Le sensazioni degli operatori sono buone, anche se ci si aspettava qualcosa in più dagli italiani, ma è la dimostrazione che il nostro Paese non è ancora in ripresa.Gli albergatori cercano e pensano sempre a delle soluzioni che possano garantire afflusso turistico almeno 10 mesi l’anno ma, almeno per il momento, sembra ci si debba accontentare purtroppo dei tradizionali 5 mesi. Le prospettive del prossimo ottobre non sembrano particolarmente buone, ma sono sempre legate al clima con il classico sistema del ‘last minute’ che limita gli imprenditori. Albergatori ed operatori turistici in genere si augurano soprattutto che la primavera 2017 possa essere migliore.

Giusi Farinella