Un comitato di coordinamento per il Giglio. Lo promuove «Patto per Geraci»

Si è costituito oggi nei locali dell’Ospedale Giglio di Cefalù un comitato di coordinamento provvisorio del ricco universo di Associazioni varie no profit, associazioni di categorie, movimenti e gruppi organizzati operanti nel territorio dei comuni della Città a rete Madonie Cefalù Termini. A darne notizia un comunicato dell’associazione Patto per Geraci. «All’incontro di oggi- vi si legge – hanno preso parte una dozzina di rappresentanti delle suddette realtà organizzate, l’Assessore di Castellana Sicula Pietro Rasa, il vice Presidente del Consiglio di Castelbuono Fabio Capuana, il Presidente del Consiglio di Geraci Piero Scancarello e l’ex assessore di Cefalù, Leo Cefalù. Erano presenti anche i rappresentanti del personale dipendente dell’ospedale Giglio e il deputato Toto Cordaro, capogruppo di Cantiere popolare». Lo stesso comunicato informa che sono stati contattati i sindaci di Cefalù, Castelbuono, San Mauro e Castellana Sicula oltre che il Presidente dell’Ospedale Giovanni Albano. «Hanno manifestato l’iniziativa ed hanno invitato una delegazione del comitato ad intervenire all’assemblea dei Sindaci e dei Consiglieri comunali che si terrà il pomeriggio del prossimo lunedì». I presenti hanno deciso di richiedere subito una audizione alla commissione Sanità, ai capigruppo e all’ufficio di Presidenza dell’Ars. «Per spiegare i motivi in base al quale ritengono che l’ospedale di eccellenza di Cefalù non può essere oggetto di alcun ridimensionamento, anzi necessita di un ulteriore potenziamento e di una integrazione operativa con l’altra struttura ospedaliera madonita il Madonna dell’Alto di Petralia Sottana, per formare un unico polo di ospedaliero d’eccellenza». Lo stesso comunicato informa ancora che «si è deciso di rivolgere un invito a tutte le realtà organizzate del territorio di riferimento ad aderire al Coordinamento che si occuperà subito della salvaguardia dei livelli di assistenza sanitaria in atto esistenti nella Città a rete e che in futuro vuole rappresenta un incubatore organizzato pronto a dare il proprio contributo e sostegno a tutte le altre problematiche presenti e future e alle tante opportunità da sfruttare che devono essere poste a base per una credibile e realistica strategia di sviluppo di tutto il territorio a partire dallo sviluppo del turismo del benessere e relazionale che non può svilupparsi se i nosocomi madoniti vengono depotenziati, così come prevede il piano che il Governo regionale ha appena varato». La fase costituiva del Coordinamento sarà gestita da Franco Scancarello ( Patto per Geraci ), Vincenzo Allegra ( Movimento I Gattopardi-Sicilia Sicilia), Rosalba Pegoraro ( Ass. San Raffaele Giglio-volontari della spedalità), Marcello Rossi (Circolo Culturale Saragat) e Martino Lauro ( Movimento svolta popolare Castelbuono).

2 COMMENTS