Cefalunews

Ospedale, agguati, retromarce e silenzio all’interno del Cda Giglio

La gestione della vicenda del nostro Ospedale, da parte dei vertici istituzionali regionali, sta diventando a dir poco imbarazzante. Gli aggiornamenti parlano di netti passi indietro da parte di Crocetta e dell’assessore Gucciardi, probabilmente terrorizzati da una reazione forte, unitaria e decisa di un intero comprensorio. Reazione probabilmente facilitata proprio da quel tanto vituperato mondo virtuale dei social che, se utilizzato in modo corretto e costruttivo, rappresenta un formidabile mezzo di comunicazione.
Adesso qualcuno “balbetta”, parla addirittura di mancanza di un Piano regionale sanitario, nega l’evidenza di fatti e notizie che hanno creato il panico tra la popolazione di un bacino territoriale molto più esteso dei confini madoniti.

Non ci piace questa politica fatta di “agguati” e successive, ipocrite, retromarce forzate. Concordo sul senso di Democrazia invocato dal Presidente del Consiglio cefaludese che dovrebbe, sempre, esser caratterizzato dal Confronto e dalla Dialettica, quand’anche aspra, e finalizzato al perseguimento di soluzioni unitarie.

Di fronte a taluni atteggiamenti della “politica”, però, rimaniamo tutti basiti se non terrorizzati. Un tema così delicato, come quello sanitario, non lo si affronta – di certo – in questo modo. I vertici istituzionali regionali ( e, forse, anche qualche altro soggetto….) non possono permettersi di generare un gravissimo allarmismo come quello creato in questi giorni sulle sorti dell’Ospedale Giglio.

Uno strano silenzio, una totale mancanza di comunicazione finanche tra i componenti del C.d.A ospedaliero (ricordiamo che il nostro Comune ha designato all’interno dell’organismo un proprio diretto rappresentante) su una vicenda dai risvolti quasi pirandelliani.

O, forse, è il tentativo di alleggerire la tensione e la pressione su una questione che interessa tutti. Quando una comunità insorge per rivendicare il diritto al mantenimento dell’Ospedale non esistono vessilli ideologici e partitocrazie varie. Qualcuno, forse, vorrebbe cavalcare la tigre per regolare conti e faide che nulla hanno a che spartire con l’assistenza sanitaria. Abbiamo il dovere di annientare queste meschine figure e rimanere, compatti ed uniti, in una protesta ed in una pressione fondata su motivazioni tecniche e numeriche obiettive e inattaccabili. Perché il “colore” di quel codice d’ingresso ospedaliero non corrisponde a nessuna ideologia politica ma, soltanto, ad una necessità contingente che potrebbe riguardare CIASCUNO di NOI !

Rosario Fertitta


Related posts

VF Carni, la macelleria che mette l’amicizia davanti a tutto

Redazione

Ennesima novità in casa Real, nasce la scuola portieri!

Il laterale Fabinho è un nuovo giocatore del Real Cefalù!

Roccamaris va alla scoperta di Gratteri

Redazione

Saggio di Danza dell’Agari Coreuo

Redazione

Real Cefalù, al via uno stage per i giovani!

Comunicato Stampa Real Cefalù

Lo sport come strumento di inclusione sociale: convegno dei Giovani Avvocati

Redazione

Premi prestigiosi per la Poetessa Margherita Neri Novi

Redazione

Corso di formazione sui progressi in medicina nucleare e in oncologia.

Redazione

Dall’azzurro della nazionale al biancoazzurro del Real Cefalù, Andrea Ganzetti alla corte di mister Rinaldi!

ScopriAmo Lascari. Cartine turistiche in distribuzione agli operatori del settore.

Redazione

Musica: tre grandi maestri infiammano piazza Duomo (foto)

Redazione

Sapori del Gusto: nella Palermo Capitale della Cultura 2018 le eccellenze madonite

Redazione

Parrocchia SS. Salvatore alla Torre: La Processione (Foto)

Redazione

Gran Concerto del Coro Polifonico “G. Mulè” alla Base Logistico Addestrativa (foto)

Redazione

Madonie in Scena: grande manifestazione a Palermo organizzata dal Parco delle Madonie (foto)

Redazione

Consegnata la bandiera blu FEE per il 2018 al Comune di Tusa (foto)

Redazione

Lavori Pubblici a San Mauro per circa 500 mila euro

Nino Daino

‘A Fera 2018 – Festeggiamenti in onore del Patrono “San Mauro Abate” a San Mauro Castelverde (PA)

Nino Daino

Inaugurato l’affresco dei santi martiri Idruntini ed esposte le reliquie

Redazione

Caltavuturo: premiazione concorso “Instageopark

Redazione