Ospedale Giglio: dopo 9 giorni sparisce il problema grazie ad un gioco di prestigio

Ci sono voluti nove giorni per scoprire che sull’Ospedale Giglio non c’è nessun progetto di ridimensionamento. «Sparito per miracolo? Per lungimiranza della politica? No per gioco di prestigio!» commenta il consigliere comunale Marzo Larosa. La notizia che non esiste alcun problema sull’ospedale di Cefalù si è appresa oggi pomeriggio nel corso dell’incontro che i sindaci del territorio hanno avuto con l’assessore regionale alla sanità, Baldo Gucciardi. Saranno garantiti, infatti, tutti i reparti esistenti ed anzi si prevede di implementare l’offerta sanitaria con l’aggiunta dei reparti di oculistica e dermatologia oncologica. Su facebook cominciano ad arrivare le prime dichiarazioni. «Sono appena uscito da un’assemblea dei Sindaci con l’Assessore Regionale alla Salute per la questione riguardante il paventato ridimensionamento dell’Ospedale Giglio di Cefalù. Ebbene l’Assessore ha affermato che non succederà nulla di tutto ciò e che le notizie circolate erano e sono infondate» scrive il sindaco di Scillato Giuseppe Frisa. «Cefalù non si tocca. Non salteranno nè reparti, nè posti di lavoro» sostiene la delegazione di sindaci delle Madonie e dei Nebrodi, presenti all’incontro. «Da questo incontro – continuano i sindaci – abbiamo avuto rassicurazioni sul fatto che l’Ospedale di Cefalù non sarà depotenziato. Ne consegue automaticamente la salvaguardia dei posti di lavoro». In diretta durante la riunione alla corte delle stelle, invece, il Sindaco di Cefalù ha riferito al Presidente del Consiglio Comunale che l’assessore Gucciardi ha detto ai sindaci presenti all’incontro di Palermo che «il Giglio non si tocca, l’Ospedale di Cefalù è e rimarrà una Fondazione di diritto privato e non saranno toccati né i reparti né il personale». Su facebook anche un commento dal consigliere comunale Marco Larosa: «L’ennesimo triste siparietto dalle caratteristiche magiche della politica di governo siciliana. Da che c’è un problema… Lo stesso di lì in breve non c’è più. Sparito per miracolo? Per lungimiranza della politica? No per gioco di prestigio!»

1 COMMENT

  1. CHI E’ CAUSA DEI SUOI MALI PIANGA SE STESSO….

    Basta leggere le dichiarazioni dell’Assessore Gucciardi dal 6 Settembre al 14 Settembre, per rendersi conto che l’unico responsabile della annunciata retrocessione a PRESIDIO OSPEDALIERO DI ZONA del GIGLIO di Cefalù, per dimostrare che l’unico responsabile dell’operazione era Lui ed i Suoi tecnici. Quanto messo in atto dallo stesso tecnicamente chiamasi PROCURATO ALLARME SOCIALE E TENTATO SCIPPO AI DANNI DELLE POPOLAZIONI DELLE MADONIE, DEI NEBRODI E DELL’INTERA SICILIA, immotivato e interessato.
    Ero stato facile profeta nell’Assemblea di Lunedì pomeriggio diCefalù ad annunciare che Giovedì 15 il piano non sarebbe più esistito. Altrimenti apriti cielo ci sarebbe stato il ROGO A PIAZZA DUOMO DI CEFALU’ DELLE MIGLIAIA DI TESSERE DI ADESIONE AL PARTITO DEMOCRATICO STRAPPATE DAI SUOI ADERENTI COME ANNUNCIATO NELLASSEMBLEA DEL 12.
    Non rimane adesso che ringraziare il Presidente ALBANO per aver fatto solamente il suo dovere ” DIFENDERE IN TUTTI I MODI LA STRUTTURA CHE PRESIEDE”, con il concreto rischio di essere rimossa da CROCETTA.
    Aspettiamo ancora che, come sarebbe giusto e sacrosanto,L’ASSESSORE SI DIMETTA O VENGA REVOCATO, perché quanto successo la scorsa settimana non può essere derubricato ad una semplice fuga di notizie false.
    NOI MANTERREMO IL LIVELLO DI ATTENZIONE ALTO E CONTINUEREMO NELLA NOSTRA AZIONE TESA AL POTENZIAMENTO DEL GIGLIO E ALL’INTEGRAZIONE CON IL MADONNA DELL’ALTO PER FORMARE UN UNICO E INTEGRATO POLO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE E DI ECCELLENZZA DELLA SANITA’ SICILIANA.