l’Orchestra sinfonica siciliana a Cefalù

Penultimo appuntamento della Stagione estiva dell’Orchestra sinfonica siciliana, a Cefalù, questa sabato 24 ottobre alle ore 21. Il concerto si svolgerà nell’atrio dell’Episcopio. L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti. A dirigere l’Orchestra Sinfonica Siciliana sarà Ottavio Marino. Questo il programma della serata: Felix Mendelsshon-Bartholdy, Ein Sommernachtstraum, (Sogno di una notte di mezza estate) op. 61. Sergej Sergeevič Prokof’ev, Sinfonia n.1 “Classica” in re maggiore. L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti. Prokof’ev compose la Sinfonia n. 1 in Re maggiore nel 1917. Conosciuta come la Sinfonia Classica, nome che le fu dato dal compositore stesso, fu eseguita per la prima volta il 21 Aprile 1918 a San Pietroburgo, diretta da Prokofiev stesso, ed è diventata una delle sue opere più amate. Fu ispirata in parte dai suoi studi di direzione d’orchestra al Conservatorio di San Pietroburgo, dove il maestro Nikolai Tcherepnin, insegnava a dirigere, tra vari compositori, anche opere di Haydn. La sinfonia è divisa in quattro movimenti: Allegro,Larghetto,Gavotta: Non troppo allegro, Finale: Molto vivace. Sogno di una notte di mezza estate (Ein Sommernachtstraum) è una composizione di Felix Mendelssohn Bartholdy riguardante le musiche di scena per l’omonima commedia shakespeariana. Mendelssohn compose le musiche nel 1843 su commissione del re di Prussia Federico Guglielmo IV. L’opera fu rappresentata il il 14 ottobre 1843 al Neues Palais di Potsdam nella traduzione di Wilhelm August von Schlegel. Sogno di una notte di mezza estate è composta da undici pezzi: Ouverture – Allegro molto; Scherzo – Allegro vivace; Marcia degli Elfi – Allegro vivace; Coro degli Elfi: Ye spotted snakes – Allegro ma non troppo Intermezzo – Allegro appassionato; Notturno – Con moto tranquillo; Marcia nuziale – Allegro vivace; Prologo ; Marcia funebre – Andante comodo; Danza bergamasca – Allegro molto; Finale : « Through this house give glimm’ring light » – Allegro molto.

Ottavio Marino



Nato a Palermo nel 1974 e diplomatosi in pianoforte, Ottavio Marino si è perfezionato all’Accademia pianistica “incontri col Maestro” di Imola sotto la guida di F. Scala, L. Berman e A.Lonquich. Diplomato in direzione d’orchestra presso il Conservatorio “V.Bellini” di Palermo, ha debuttato come direttore d’orchestra a ventitré anni e collaborando successivamente col Maestro Antonello Allemandi che lo ha voluto come assistente in numerose produzioni operistiche presso prestigiosi teatri quali il Real di Madrid, l’Opera Bastille di Parigi, l’Opera di Colonia. Ha diretto a Seoul alcuni concerti sinfonici con la Seoul Philharmonic Orchestra , con la KBS Orchestra della Radiotelevisione coreana ed una nuova produzione di Aida con la Busan Philharmonic Orchestra.ed infine a Mosca nella prestigiosa Cajkovskij Hall. A dicembre del 2009 ha debuttato al Teatro degli Champs Elysèes in un recital con il soprano Annick Massis e ad Aprile del 2010 è stato a Mosca alla Tchaikovskij Hall per dirigere “les Pecheurs de perles”di Bizet con l’Orchestra Filarmonica Nazionale di Mosca ed il coro della Radio Nazionale..Nell’Ottobre del 2010 ha diretto “Mefistofele” di Boito per la regia di Davide Livermore presso il Seoul Arts Center e a Marzo del 2011 sempre presso il Seoul Art Center il Faust di Gounod. Ha collaborato con artisti di fama internazionale quali Roberto Scandiuzzi, Annick Massis, Andrea Rost, Vladimir Chernov, Dimitra Theodossiou, Susan Neves etc. Ha effettuato diverse registrazioni radiofoniche e ha inciso per la RTVE RadioTelevisione Spagnola e per la KBS National Broadcasting Company di Seoul.

L’Ufficio stampa

(Mario Pintagro)