Nell’atrio vescovile musica da sogno con l’Orchestra sinfonica siciliana . Le foto

Penultimo appuntamento della Stagione estiva dell’Orchestra sinfonica siciliana, a Cefalù. Il concerto si  svolto nell’atrio dell’Episcopio.  A dirigere l’Orchestra Sinfonica Siciliana è stato il Maestro Ottavio Marino. Il programma della serata ha previsto: Felix Mendelsshon-Bartholdy, Ein Sommernachtstraum, (Sogno di una notte di mezza estate) op. 61. Sergej Sergeevič Prokof’ev, Sinfonia n.1 “Classica” in re maggiore.  Pienone di pubblico e circa 50 minuti di musica da Sogno.

Prokof’ev compose la Sinfonia n. 1 in Re maggiore nel 1917. Conosciuta come la Sinfonia Classica, nome che le fu dato dal compositore stesso, fu eseguita per la prima volta il 21 Aprile 1918 a San Pietroburgo, diretta da Prokofiev stesso, ed è diventata una delle sue opere più amate. Fu ispirata in parte dai suoi studi di direzione d’orchestra al Conservatorio di San Pietroburgo, dove il maestro Nikolai Tcherepnin, insegnava a dirigere, tra vari compositori, anche opere di Haydn. La sinfonia è divisa in quattro movimenti: Allegro,Larghetto,Gavotta: Non troppo allegro, Finale: Molto vivace.




Sogno di una notte di mezza estate (Ein Sommernachtstraum) è una composizione di Felix Mendelssohn Bartholdy riguardante le musiche di scena per l’omonima commedia shakespeariana. Mendelssohn compose le musiche nel 1843 su commissione del re di Prussia Federico Guglielmo IV. L’opera fu rappresentata il il 14 ottobre 1843 al Neues Palais di Potsdam nella traduzione di Wilhelm August von Schlegel. Sogno di una notte di mezza estate è composta da undici pezzi: Ouverture – Allegro molto; Scherzo – Allegro vivace; Marcia degli Elfi – Allegro vivace; Coro degli Elfi: Ye spotted snakes – Allegro ma non troppo Intermezzo – Allegro appassionato; Notturno – Con moto tranquillo; Marcia nuziale – Allegro vivace; Prologo ; Marcia funebre – Andante comodo; Danza bergamasca – Allegro molto; Finale : « Through this house give glimm’ring light » – Allegro molto.