Quindici strade per 15 cefaludesi: il tempo è scaduto rimandiamo fra nove mesi

Quindici strade per quindici cefaludesi. E’ stata una nostra iniziativa, datata 16 agosto 2013, che chiedeva di intitolare quindici strade di Cefalù ad altrettanti cefaludesi da non dimenticare. Da quel giorno sono trascorsi 1.139 giorni, ovvero oltre tre anni, senza che mai nessuna istituzione della nostra città desse una risposta. Nulla di concreto si è avuto, inoltre, neanche per una petizione, promossa sempre dal nostro giornale, per non dimenticare l’eroe Domenico Barranco. Al giovane carabiniere morto per mano mafiosa, infatti, ad oggi non è stata dedicata alcuna realtà della nostra città nonostante il giovane Mico sia stato ricordato con diverse iniziative in paesi diversi dalla nostra città.

A distanza di tanti anni dalle nostre proposte riteniamo scaduto il tempo per darvi una risposta. Qualsiasi decisione dovesse arrivare entro il mese di maggio del 2017, infatti, avrebbe solo il sapore della campagna elettorale in vista dell’elezione del nuovo sindaco di Cefalù che si terrà fra otto mesi. Per questo cefalunews sospende in questo periodo le proprie proposte e rimanda tutto al giugno del 2017. Abbiamo atteso oltre tre anni una risposta che non è arrivata. Possiamo attendere altri nove mesi senza alcun problema.



Le quindici persone per le quali nell’agosto del 2013 abbiamo chiesto la titolazione di una strada sono: Maria Elisa Di Fatta musicista, Nico Marino cabarettista, padre Antonio Guerra presbitero, Michele Bellipanni giornalista, Maria David insegnante, padre Carmelo Serio presbitero, Nicola Imbraguglio politico, Pio Pollicino cabarettista, Angelo Piscitello dirigente, Emiliano Cagnoni vescovo, Pietro Saja insegnante, Nando Zannella dirigente, Lorenzo Misuraca editore, Pasquale Curcio operatore turistico, Domenico Barranco carabinere. L’elenco, in questi tre anni trascorsi, si è allungato grazie a diverse altre segnalazioni da parte dei nostri lettori. Riproporremo un elenco aggiornato di cefaludesi da non dimenticare, per una nuova toponomastica della città di Cefalù, a partire dal giugno del 2017.

Nella foto sopra quattro dei quindici cefaludesi per cui chiedevamo la titolazione di una strada: Maria Elisa Di Fatta, Michele Bellipanni, Nico Marino e padre Antonio Guerra.

1 COMMENT

  1. Condivido pienamente il suo pensiero Direttore Mario Macaluso, non posso permettere che la memoria del Carabiniere Domenico Barranco venga usata dal politico di turno per farsi la campagna elettorale ormai alle porte, l’ anno scorso una petizione di 1600 firme è stata ignorata, ormai il tempo è scaduto, abbiamo aspettato più di 60 anni non vedo il motivo adesso di questa fretta, aspetteremo qualche altro mese non ha importanza!