Aveva una piantagione di cannabis con impianto di irrigazione: arrestato

Un uomo di Misilmeri è stato arrestato perchè aveva una piantagione di cannabis con impianto di irrigazione. Nel corso di un servizio finalizzato al contrasto della produzione e spaccio di sostanze stupefacenti disposto dal Comando Provinciale di Palermo in località Piano Stoppa, Contrada Greco in via del Mandarino a Misilmeri, i Carabinieri della locale comapgnia hanno arrestato per il reato di coltivazione di sostanze stupefacenti, Capizzi Salvatore, nato a Palermo, classe 1943, residente a Misilmeri, volto noto alle Forze dell’Ordine e già sottoposto alla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale. Ieri mattina, i Carabinieri, in servizio di pattuglia vedono il Capizzi a bordo di una vettura. Ad un primo controllo è risultato condurre il veicolo con la patente scaduta di validità nel 2015 e non rinnovata, oltretutto alla guida di una vettura priva di copertura assicurativa, e pertanto sanzionato secondo quanto previsto dal Codice della Strada.

I Carabinieri hanno notato nell’uomo un atteggiamento inusuale, insofferente. Soffermandosi in zona avvertono un odore acre di marijuana. Si recano presso l’abitazione del Capizzi che si trova nelle vicinanze. I carabinieri effettuano una perquisizione presso l’abitazione. trovano circa 17 kg di sostanza stupefacente in essicazione tipo “marijuana”, quattordici piantine di cannabis alte circa 80 centimetri in fase di fioritura. Il tutto era ripartito in più locali, parte appesa per in essiccazione e  parte già essiccata e riposta in ceste. Gli accertamenti effettuati nella zona consentono di rinvenire, inoltre, nella proprietà limitrofa una piantagione di “Cannabis” con impianto di irrigazione con un totale di 435 piantine su tre piazzole articolate su tre livelli morfologicamente differenti. Veniva quindi effettuata una perquisizione anche nella proprietà adiacente, controllo esteso anche ad una stalla ove i Carabinieri hanno rinvenuto 22 kg di sostanza stupefacente in essicazione tipo “Marijuana”. Sul posto i Carabinieri notano Perez Salvatore, nato a Palermo, classe 1970, ivi residente, anch’egli volto noto alle Forze dell’Ordine, arrestato per il reato di coltivazione di sostanze stupefacenti. Entrambi sono stati arrestati e tradotti presso la casa circondariale “Cavallacci” di Termini Imerese a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.