Quando il vicino non è prossimo

Certo che la prossimità non sempre produce frutti di pace. E così un vicino di casa ” può entrare ” nella tua vita nel tentativo di nuocerti. Ricerchi le ragioni, ma non trovi una ragione che sia ispirata a una civile e umana convivenza. Così il vicinato che dovrebbe essere il luogo della reciproca accoglienza e di sostegno può diventare un luogo di insicurezza e di oppressione. Naturalmente soltanto nel tempo il perdono può guarire le tue ferite interiori causate da una sofferenza a lungo taciuta perchè acquisti solo più tardi il bisogno di fare chiarezza e trovi in Dio, che è verità e giustizia le ragioni per farlo. La mia riflessione vuole diventare una preghiera affinchè il rispetto divenga l’umano fondamento di rapporti di vicinato in cui ogni uno sia riconosciuto nella sua dignità e possa trovare il suo umano e solidale ambiente di vita.
Mimma Zito