Cefalù: una lite di condiminio in tribunale. Condannato un uomo

E’ stato condannato a tre mesi di reclusione oltre al risarcimento dei danni un 68enne che in un condominio di Cefalù avrebbe inveito contro una donna spingendola e strattonandola sol perchè avrebbe appoggiato al muro della sua abitazione due pagaie. I fatti risalgono al 2013 e a dare notizia della sentenza è il giornale esperonews.it L’uomo, R.R., di Palermo abitava all’epoca dei fatti al piano terra di uno stabile della cittadina normanna. Un giorno si sarebbe adirato perchè una vicina avrebbe appoggiato al muro della sua abitazione due pagaie. Per questo avrebbe inveito contro la donna. Avrebbe afferrando le pagaie, che nel frattempo erano tenute in mano dalla vicina di casa, spingendo e strattonando con forza.

La donna lo ha denunciato per violenza privata e la vicenda è finita davanti al giudice del tribunale di Termini Imerese. Alla fine del processo l’uomo è stato condannato alla pena di tre mesi di reclusione, oltre al risarcimento dei danni alla parte civile.