Russo: il giovane che ha lasciato Cefalù per realizzare il sogno del calcio

Il cefaludese Giovanni Russo ancora in gol nella partita casalinga che la Maceratese ha disputato con il Citta di Castello per il campionato federale juniores. Del fatto ne danno notizia i giornali sportivi e sul giovane calciatore normanno sono stati pubblicati diversi articoli anche con la sua foto. Russo da qualche anno ha lasciato gli studi che stava portando avanti allo Jacopo del Duca di Cefalù e si è trasferito nel continente per realizzare il sogno di poter calpestare i grandi campi di calcio della serie A. Quest’anno gioca, vive e studia a Macerata. Al momento ha giocato due partite. Nella prima ha disputato solo gli ultimi dieci minuti ed ha messo dentro una rete. Nella seconda, invece, ha giocato l’intero incontro ed ha messo dentro un’altra rete. Un bel bottino da goleador che viaggia al momento con una rete ogni cinquanta minuti. La prima rete di Russo in questo campionato è arrivata quando la Maceratese stava vincendo per 2-1 sul Castelfilardo. «Sono entrato e a cinque minuti dalla fine – commenta – è arrivato un cross da sinistra, la palla é arrivata sul secondo palo, ha rimbalzato una volta a terra e ho tirato al volo di destro, palla accanto al palo a mezz’altezza». La seconda rete, invece, è stata messa dentro sabato quando la Maceratese stava perdendo per 1-0 con il Città di Castello. «Ho segnato al 91′. Un mio compagno imbuca una palla in mezzo alla difesa, io taglio da destra e calcio col sinistro, palla sotto il sette del primo palo». Un gol, quest’ultimo, che è valso anche un punto in classifica per la squadra della presidente Maria Francesca Tardella.

A Macerata Giovanni Russo abita presso la «Villa Tardella», una sorta di convitto sportivo dove vivono tutti i giovani della Maceratese. Ha vitto e alloggio, si allena quattro volte la settimana e sabato disputa la partita. Ogni mattina il suo dovere è quello di andare a scuola. All’interno della Villa ci sono alcune regole da rispettare. «Lo svago è limitato – aggiunge – ma ciò ci aiuta a crescere». Con lui abitano una quarantina di giovani calciatori che giocano i campionati allievi, juniores e berretti. La giornata in Villa si apre la mattina con la sveglia alle 6,20. Dopo la colazione tutti fuori per andare con il bus a scuola. Con Giovanni nella stessa Villa vive, studia e si allena anche un altro cefaludese: Ninni Portera che gioca a centrocampo con lui nella juniores, ha già disputato due partite e presto vi faremo conoscere. I due insieme hanno deciso di trasferirsi lontani dalla Sicilia per un sogno nel calcio che auguriamo loro diventi presto realtà.

Nella foto Giovanni Russo con la casacca della Maceratese e a destra con il suo amico e compagno di squadra Ninni Portera.