Cefalù: dalla marina al lungomare passando dalle cartoline

Ecco un gruppo di cartoline della collezione che appartiene a Roberto Maranto che mostrano come sia cambiata negli anni la marina di Cefalù, una delle zone più caratteristiche della città. Lo scorcio di litorale che abbraccia piazza Marina e il lungomare, infatti, è stato sempre al centro delle attenzioni di quanti amano la foto. Non potevano per questo mancare le cartoline della marina che hanno fatto il giro del mondo portando ovunque uno degli angoli più belli della città di Ruggero. A scorrere questo nuovo gruppo di cartoline che appartengono a Roberto Maranto si notano i cambiamenti nel territorio cefaludese dall’inizio del secolo scorso ad oggi.

Una cartolina storica sulla Marina, sicuramente fra le più belle, è quella che risale al periodo antecedente la prima guerra mondiale. E’ stata spedita da Cefalù il 13 giugno del 1915, festa di Sant’Antonio, per gli auguri di buon onomastico ad un certo signor Antonino Conte che abita nel capoluogo in via Villareale. Ritrae l’allora porticciolo della Marina, oggi Largo Eroi del mare, con tante grandi imbarcazioni a vela. A guardare la scena il luogo appare centro vitale della città. Le persone non sono vestite con gli abiti dei pescatori ma in giacca e cravatta. Lo sfondo è dominato da abitazioni che danno a picco sul mare e che hanno delle piccole finestre ricavate solo nelle parti alte dei fabbricati. Porta Marina è murata. Con il passare degli anni l’attenzione dei fotografi si sposta verso l’attuale lungomare per anni luogo di ricovero per barche e reti.

Storia cartoline della Marina spedita da Cefalù il 13 giugno del 1915
Storica cartolina della Marina spedita da Cefalù il 13 giugno del 1915
marina011
Cartolina spedita il 7 ottobre del 1940

marina016

Cartolina spedita il 16 aprile 1946
Cartolina spedita il 16 aprile 1946

marina005

marina017

marina015marina014marina007

marina006marina004

marina003

marina002

marina001

marina018

marina009

 

 

1 COMMENT

  1. Cefalù
    Tu eri la mia casa
    piccolo borgo di anime pie
    poveri, ma senza vergogna:
    Chi ti ha oltraggiato per sempre,
    cancellato la memoria e il senso
    e troncato i sogni, sfregiato
    la tua bellezza nuda.
    Unto solo la Tua Luce.
    Gaetano Forte 12 ottobre 2016

Lascia un commento