Danni per il vento nel palermitano. Nessun problema a Cefalù

Le forti raffiche di vento da scirocco che soffia da oltre ventiquattro ore hanno causato danni nel Capoluogo ma anche in diversi centri della provincia. A Termini Imerese ed Altavilla Milicia c’è il più alto numero d’interventi dei vigili del fuoco. Cartelloni e insegne pubblicitarie, canne fumarie e cavi ad alta tensione sono finiti in strada, abbattuti dal vento impetuoso, senza provocare feriti. Diversi roghi di sterpaglie sono stati spenti nelle ultime ore tra gli svincoli di Villabate e Bagheria, sulla Palemo-Agrigento, e nella zona di Pezzingoli, nel comune di Monreale. A Palermo, tra i quartieri di Brancaccio e Borgo Nuovo, sono arrivate richieste per rami sradicati. Interventi anche in viale Michelangelo e viale Lazio. In via Prospero Favier (tra Brancaccio e lo Sperone) è arrivata una squadra dei vigili del fuoco per mettere in sicurezza una grossa insegna pubblicitaria di una vetreria che potrebbe precipitare al suolo da un momento all’altro. Un tratto di strada è stato chiuso al transito. I vigili del fuoco hanno messo in sicurezza anche numerose abitazioni, in seguito alla caduta di calcinacci. Il forte vento ha divelto alcune finestre. Sull’autostrada A19 gli agenti della polizia stradale sono intervenuti per rimuovere dalla carreggiata alberi e rami ed oggetti caduti da mezzi in transito. A Cefalù, al momento non sono segnalati danni o problemi.