Concorso di Poesia “Kalura”2016 Targa Francesco Brancato

 L’A.E.C. (Associazione Europea dei Ferrovieri) – Sezione Italiana organizza il 19° Concorso nazionale di Poesia in lingua italiana  “KALURA-2016”,  XIII MANIFESTAZIONE CULTURALE
“OMAGGIO AL TRENO”  Targa Brancato Francesco, Padre fondatore del concorso di poesia
“Kalura”
Le edizioni del concorso continueranno a ricordo del suo padre fondatore: Francesco Brancato.
Al concorso si può partecipare con una sola poesia, a tema libero, edita o inedita, che dovrà essere dattiloscritta, senza correzioni, in fogli formato A4 (senza alcun dato di riconoscimento) da inviare in cinque copie unitamente alla scheda di partecipazione debitamente compilata e firmata. Inoltre si può partecipare con una seconda poesia a tema ferroviario ed una terza a tema religioso.
Non possono partecipare poesie prime classificate in altri Concorsi.
Le opere dovranno pervenire entro venerdì 3 febbraio 2017 nei seguenti modi:
– consegnate a mano direttamente presso la sede di quest’Associazione, ubicata all’interno della stazione ferroviaria di Palermo Brancaccio nei giorni di martedì e giovedì, dalle ore 9,30 alle ore 12;
– consegnate a mano presso le librerie Misuraca site in Cefalù;
– inviate per posta a: Sig. Gabriele Anna Via Camillo Randazzo n. 22 – 90141 Palermo.
La Commissione Giudicatrice sarà presieduta da docenti, letterati e scrittori scelti da quest’Associazione ed il loro giudizio sarà inappellabile.
ART.5) Per i non iscritti all’A.E.C., essendo questa un’Associazione non a scopo di lucro (O.N.G.-ONLUS), si chiede un contributo di €. 5,00 (euro cinque), qualunque sia il numero di poesie, per spese di Segreteria; solo per i giovani che non hanno superato 22 anni, alla data della scadenza del bando, la partecipazione è gratuita.
I partecipanti non potranno vantare diritti nei confronti di organizzatori e patrocinanti in caso di riprese radiofoniche, televisive o registrazioni di tutto o di parte.
I vincitori riceveranno una particolare targa personalizzata. L’A.E.C. si riserva di assegnare altri premi o riconoscimenti ad opere che giudicherà meritevoli.
ART.8) La cerimonia di premiazione avverrà a Palermo, la data ed il luogo saranno comunicati tempestivamente.
I premi dovranno essere ritirati tassativamente il giorno della premiazione, personalmente dall’Autore o da un incaricato, con delega scritta alla quale dovrà essere allegata fotocopia di un documento d’identità del delegante.
Non sono previsti rimborsi delle spese di viaggio o di soggiorno.
L’AEC declina ogni responsabilità per eventuali smarrimenti, ritardi postali, o d’altro.
Gli elaborati, anche se non premiati, non verranno restituiti.
L’AEC si riserva ogni diritto di pubblicazione, di lettura o d‘altro senza scopo di lucro e senza vincolo di alcuna comunicazione.

L’Association Europeenne des Cheminots (A.E.C.) è stata istituita il
22 luglio 1961 a Torino per iniziativa di un gruppo di ferrovieri di
differenti Aziende ferroviarie europee, allo scopo di associare i ferrovieri
dei paesi del mercato comune e degli altri paesi confinanti con i più
importanti transiti europei.
Dal 1970 l’Associazione consegna annualmente, offerta dalla sezione
italiana, la «Targa Robert Schuman», ad una personalità che si sia
distinta in campo europeo con azioni intese a sviluppare problemi
riguardanti i Paesi della «Unione Europea». Nel 2002 la targa è stata
consegnata a S.S. Papa Giovanni Paolo II.
L’A.E.C. non ha colore politico e non si occupa di problemi
sindacali. Essa sviluppa il suo lavoro per mezzo di una Presidenza, di
una vice presidenza, di un Segretario Generale e di un Consiglio
Direttivo europeo, nonché attraverso Presidenza, Segreterie e Consigli
Direttivi nazionali.
Apposite commissioni studiano i problemi culturali e professionali, del
turismo sociale, dei trasporti, della formazione europea, delle relazioni
umane, della stampa e delle finanze.
La Sede Sociale dell’A.E.C. (Association Européenne des
Cheminots – Associazione Europea dei Ferrovieri) ha la sede
sociale a Bruxelles.
Hanno già dato la loro adesione alle iniziative dell’Associazione: il
Movimento Europeo, varie Associazioni e Movimenti federalisti,
parlamentari ed altri funzionari delle aziende ferroviarie europee.
Sono state costituite le sezioni:
italiana, francese, belga, tedesca, austriaca, spagnola, inglese,
greca, olandese, portoghese, svizzera e recentemente dei Paesi
dell’est: Romania, Ungheria, Slovacchia, Repubblica Ceca,
Albania, Polonia e Lettonia.
All’A.E.C. possono iscriversi, oltre ai ferrovieri, tutti coloro i quali
condividono i principi istitutivi dell’Associazione.

Lascia un commento