Cefalunews

Ciaspolata di Nicolosi verso i 1.979 metri di pizzo Carbonara


Ha raggiunto stamattina i 1.979 metri di Pizzo Carabonara innevato. L’escursionista Giovanni Nicolosi è arrivato da solo sulla montagna più alta della Sicilia dopo l’Etna. Il sentiero, lungo circa 7 chilometri inizia alla Battaglietta nei pressi di Piano Battaglia sui 1600 metri. Da qui ci si inerpica per il Vallona Zottafonda fino a raggiungere la vetta più alta delle Madonie. «La neve questa mattina era fresca – commenta Nicolosi – in alcune zone superava abbondantemente il metro, la natura sembrava addormentata e la luce era molto fredda ed intensa». Da Pizzo Carbonara ha scattato alcune foto. «La visuale di questa mattina era fantastica – continua Nicolosi – si vedeva quasi tutta la Sicilia dal messinese con Monte Soro sui Nebrodi all’imponenza d’Etna, passando per Enna e per l’agrigentino con Monte Cammarata e proseguendo con i Sicani e Rocca Busambra nel palermitano e i golfi di Termini e Palermo, e in sequenza: Capo Zafferano, Monte Pellegrino, Pizzo Sella e Capo Gallo per concludere con le Eolie e il Santuario di Gibilmanna».

Per Nicolosi, che è una guida ambientale escursionistica oltre che una guida rafting e istruttore di Nordic Walking, è la seconda ciaspolata dell’anno. La prima l’aveva realizzata domenica scorsa da Petralia Sottana a Sant’Otiero passando per il ponte romano di San Brancato nel cuore del Parco delle Madonie dai 1000 ai 1200 con circa 50 centimetri di neve. Per sabato 14 gennaio, intanto, Nicolosi ha organizzato una ciaspolata al chiaro di luna nel Parco delle Madonie. Il luogo dell’escursione sarà deciso sabato in funzione delle condizioni meteo e della viabilità per Piano Battaglia per poter consentire a tutti di partecipare. Durerà circa quattro ore. La partenza sarà alle ore 17 dal Bivio ss120-sp54 (strada per Piano Battaglia). Ai partecipanti si raccomanda un equipaggiamento adatto a un’escursione invernale: scarpe da trekking a collo alto, zaino, abbigliamento caldo e impermeabile, giacca a vento, bastoncini, guanti, berretto di lana o fascia collo, acqua, cibo (panini, frutta secca, biscotti, bevande energetiche, etc…) e medicine e accessori personali. Per realizzarla occorrono almeno cinque partecipanti adulti. Per informazioni e prenotazioni: Giovanni 3397727584 – info@madonieapassolento.it

Ecco alcune immagini della mattinata su Pizzo Sant’Angelo

Related posts

Tusa: nuovi scavi della missione italo-inglese presso l’antica città di Halaesa

Redazione

Concorso fotografico nazionale “Cardioclick 2018”: vince la Fondazione Giglio

Redazione

Anziana investita da un Camion: grave in ospedale

Redazione

Pubblicità su Cefalunews: ecco da cosa iniziare

Redazione

Operazione dei carabinieri di Cefalù: arrivano dieci misure cautelari

Comunicato stampa

Madonie isolate: il vescovo Marciante chiama in causa la Regione

Redazione