A Ripensare Palermo il teatro di Laura Miceli

Nell’ambito delle iniziative di “RIPENSARE PALERMO”, ARTE – CULTURA – DESIGN (a cura di Graziella Bellone e Vincenzo Perricone, Presidente Ass. Culturale Siciliando Style) che si svolgerà da oggi, Lunedì 15 a Mercoledì 17 Maggio 2017, anche  la performance teatrale di Laura Miceli. L’appuntamento è per mercoledì 17 ore a Palazzo Palagonia

Questa  una scheda della performance
onaM areN
una strega specchiata in-iustitiam in-quisitionis chronica
Saio Bianco
di Laura G. Miceli
Le parole incontrano le parole. Il filo conduttore che si dipana dai muri dello Steri narra i tormenti subiti dagli inquisiti. Va a intrecciarsi con la storia dei Vindicosi e quella dei Biati Pauli che iniziano ergendosi difensori degli oppressi di coloro che non hanno gli strumenti per opporsi all’ingiustizia e alla vessazione che il Santo Ufficio dai tempi di Federico II ha portato avanti nei confronti dei deboli.
I vindicosi si sono poi trasformati in gente di potere (di morte) e finiscono con la morte per impiccagione del loro capo Adinolfo e la marchiatura dei suoi seguaci.
I Biati Pauli sono figure di mito e di leggenda e come tali sono stati celebrati.
Qui il processo alla strega, moltiplicata per tre ( Margarita-Giulia-Lucrezia Borgia) mette in luce il potere dell’Inquisitore e il transfert al contrario che si forma tra la strega e il tortruratore.
L’Inquisitore trasferisce e imputa alla strega tutte le sue personali brame e lussurie e finisce poi colpito dalle muffole ( ferri che stringono i polsi ) di un inquisito che gli si oppone.
Questo filo è composto da una serie di tavole scritte su questi personaggi.

Lascia un commento