Bagnini strappano dal mare sei ragazzi intrappolati fra le onde

Bagnini strappano dalle onde sei ragazzi che restano intrappolati in acqua e non riescono a raggiungere la spiaggia. E’ accaduto ieri all’ora di pranzo sulla spiaggia di Campofelice nel mare antistante il lido Marlyn. E’ circa mezzogiorno quando un folto gruppo di amici, arrivati sulla spiaggia per trascorrere una giornata di relax, decide di fare il bagno. Si buttano in acqua e cominciano a giocare e scherzare tra di loro per vivere alcune ore in allegria. Fra una risata e l’altra trascorrono del tempo lontani dalla spiaggia per combattere anche il caldo che proprio a quell’ora era diventato insopportabile. La corrente o forse l’inesperienza di alcuni spinge un gruppo di ragazzi, fra i nove e gli undici anni, verso il largo. Quando gli adulti decidono di uscire e di lasciare il mare si accorgono che per un gruppo di sei ragazzi diventa difficile seguirli per raggiungere la spiaggia. Non riuscivano più a tornare e stavano in acqua con molta difficoltà. All’inizio si pensava che i ragazzi scherzassero ma quando ci si è accorti che erano seriamente in difficoltà e che nessuno dei presenti era capace di riportarli a riva non si perde un attimo a lanciare l’allarme. Sono attimi di paura. I ragazzi chiedevano aiuto e sulla spiaggia in tanti non sanno cosa fare. Sul posto c’è la squadra di salvataggio del Lido Marlyn che senza esitazione organizza le operazioni in mare per riportare sulla riva i sei ragazzi. Sulla spiaggia è una gara di solidarietà fra i presenti tutti intenti ad aiutare i bagnini che senza risparmiarsi si buttano in acqua per salvare i sei ragazzi. Ad uno ad uno i poveri malcapitati vengono tirati fuori dall’acqua fra gli applausi di quanti assistendo alle operazioni di salvataggio. I ragazzi vengono portati tutti sulla spiaggia. Vengono rifocillati e a tutti vengono prestate le cure sanitarie per l’occasione. Per nessuno dei sei si rende necessario il trasporto in ospedale. Alla fine per tutti un grosso spavento che passa subito tanto che i sei, senza alcun problema, riprendono a giocare sulla spiaggia come niente fosse stato. Per i bagnini arriva il grazie dei tanti presenti ma anche quello del sindaco Massimo Battaglia che avendo appreso quanto è accaduto si è complimentato con il servizio di salvataggio perché mantiene alta l’attenzione sulla spiaggia campofelicese. “Li ringrazio a nome mio e a nome della città – dice – perché il loro servizio è importante per la nostra spiaggia che deve essere sicura per tutti”.