E’ arrivato a Cefalù Micheal che gira l’Italia con 5 euro al giorno

E’ partito lo scorso 22 aprile da Pieve Vergonte per un viaggio che gli cambierà la vita. Protagonista di questa storia è Michael Zani che stamattina è arrivato a Cefalù. Per questo suo giro d’Italia a piedi si è dato una sola regola: Vivere con 5 euro in tasca al giorno. Lo scorso 22 aprile di buon mattino ha salutato famiglia e fidanzata per incamminarsi alla scoperta delle bellezze d’Italia. «L’ho sempre desiderato – confessa – e se ai giovani è rimasta la capacità di sognare, questo per me sarà realtà. Sono consapevole che questo viaggio mi cambierà la vita». Sono almeno 120 le mete che Michael si è prefissato di raggiungere. Ogni giorno percorrerà al massimo 35 chilometri. Si è allenato per oltre due mesi. Con uno zaino che pesa 14 chili si è presentato stamattina a Cefalù.

Micheal Zani, 23 anni, ha lavorato per cinque anni in una fabbrica ed ha deciso di partire per realizzare il sogno di girare l’Italia a piedi. Sta promuovendo un’associazione onlus che si chiama Mosaico: si occupa di orientamento sanitario e solidarietà sociale. “Sono partito da Pieve Vergonte in provincia di Verbania e sono sceso per tutto il versante del Tirreno. Ho fatto il giro della Sicilia e adesso risalirò dal versante Adriatico. Sono partito il 22 aprile. Ho soggiornato in varie località tra cui Genova, Pisa, Catania, Siracusa, Cefalù”. Ed ora proprio a Cefalù è ospitato dai cappuccini di San Francesco. “Sono tutti colpiti da questa avventura e restano di stucco. Solitamente per dormire mi ospitano persone che conosco durante il cammino, comuni, pro loco. Spesso instauro rapporti con chi mi ospita grazie anche alla mia pagina Facebook che è molto seguita”.

Ma perché il suo viaggio lo ha affrontato con cinque euro al giorno? “È un budget molto limitato e così devo fidarmi molto di più della gente. E’ un modo per dimostrare quanta brava gente c’è in giro che è disponibile a farti mangiare o riposare”. In tutti questi giorni di cammino dice di essere  cresciuto in tutti gli aspetti. “In pochi mesi sono cresciuto come in una vita normale sono cresciuto in dieci anni. Fai esperienze di ogni tipo e conosci tantissima gente”. Ai giovani lancia un preciso messaggio: “Seguite i vostri sogni e pensate all’oggi. Non è facile fare il giro d’Italia a piedi, c’è tanta fatica, problemi su dove dormire ma è un’esperienza che ti cambia molto”.