Il DG Carmelo La Fata: “Tifare Real Cefalù vuol dire amare questa città!”

Alla vigilia del big match di sabato alle ore 16 contro il Signor Prestito CMB, parla Carmelo La Fata, Direttore Generale della compagine cefaludese.

Una sconfitta a Paola che non cancella un campionato da protagonista. Come si prepara la squadra alla sfida di sabato contro la corazzata CMB?
“Assolutamente no! Lo stop di Paola non pregiudica e non sminuisce il lavoro che la squadra fin qui ha svolto in queste prime sette gare disputate da protagonista, i ragazzi sono stati pregevoli ed encomiabili nel seguire attentamente le certosine indicazioni di mister Castellana al quale va il mio personale apprezzamento per quanto ci ha fatto vedere in questa prima parte di campionato. Sembra inverosimile ma questo stop ci è servito per capire dove e come possiamo migliorarci anche in situazioni estreme come quelle di Paola, i ragazzi hanno solo voglia di andare e guardare avanti, senza rimpianti. La società ha nel suo DNA solo un imperativo, VINCERE! ed e quello che cercheremo di fare tutti insieme nella gara che ci apprestiamo a disputare sabato prossimo contro il CMB, avversario quotatissimo e costruito per vincere il campionato di serie B. La tradizione al tempo stesso vuole che a Cefalù è quasi impossibile vincere, abbiamo da sempre dato del filo da torcere a chiunque. Un detto dice: rispetto per tutti, paura di nessuno. Lo dimostra il fatto che nel 2017 siamo stati la sola squadra ha battere il Maritime”.

Il futuro?
“Il futuro per il Cefalù è di colore azzurro come il cielo, azzurro come anche uno dei nostri due colori societari. Abbiamo dedicato tempo ed energie per legarci a sponsor importanti uno su tutti università telematica PEGASO e Maccaferri società leader nel settore di distribuzioni acciai in Europa. dal punto di vista sportivo non abbiamo lesinato sforzi per portare a Cefalù professionisti di valore per far lievitare il roster di cui ci fregiamo di essere gli artefici. L’obbiettivo è di arrivare all’agoniata promozione in serie A2 e nulla sarà lasciato al caso per raggiungere l’obbiettivo”.

Perchè i tifosi dovranno venire al palasport sabato?
“Per fare tutto ciò serve l’apporto del pubblico, che nelle occasioni importanti come quella di sabato contro il CMB sarà sicuramente quello delle grandi occasioni, saremo onorati di averli con noi al Palatricoli. Inoltre stiamo mettendo in piedi un gruppo di ragazzi organizzati che seguiranno la squadra anche in trasferta”.

Lancia un appello ai tifosi
“Per finire vorrei fare un appello agli sportivi Cefaludesi e a quanti finora non si siano avvicinati alla disciplina sportiva del  Futsal. Tifare per il Real Cefalù, unica società sportiva presente nel palcoscenico nazionale, vuol dire amare questa bellissima città piena di storia e cultura ultimamente nominata patrimonio dell’Unesco. Dal mio punto di vista ancor più significa anche mantenere vivi i gloriosi colori bianco azzurro di questa  città portati sempre orgogliosamente in giro per l’Italia. L’occasione è ghiotta, ed importante per l’intera comunità Cefaludese e non,  pertanto essere tra gli spalti del Palatricoli significa far rivivere i fasti del basket cefaludese e quanti con immensi sforzi si sono misurati in palcoscenici nazionali. Vi spettiamo sabato 25 novembre alle ore 16 al Paltricoli per una gara di cui più in la poter dire “Io c’ero!”.