Vincono la capolista Napoli e il Milan.

Continua il felice momento del Milan sotto la cura Gattuso. I rossoneri colgono al Mazza la quarta vittoria nelle ultime cinque giornate di Serie A TIM, rilanciandosi in classifica dove, grazie al successivo pareggio dell’Atalanta a Crotone, occupano ora il settimo posto. Pronti via e il giovane Cutrone porta in vantaggio i suoi, ribattendo in gol da pochi passi dopo una respinta di Meret su conclusione di Romagnoli. Il gol a freddo non spegne però la Spal, che piano piano si rende pericolosa fino a colpire il palo esterno sul finire di tempo. Al 65′ arriva il raddoppio di Cutrone, con azione simile sempre imbeccata da Suso. In vantaggio di due gol il Milan aumenta l’entusiasmo e la sicurezza, chiudendo il match con la rete di Biglia (primo gol in rossonero sfruttando un’indecisone di Meret) e arrotondando il risultato col poker di Borini al novantesimo.

Come all’andata, curiosamente con la stessa sequenza di reti. Il 20 settembre scorso De Vrij sbloccava il match tra Lazio e Napoli all’Olimpico, finito poi 4-1 per gli ospiti. Questa sera, un girone dopo, la storia si è ripetuta: il difensore centrale della squadra di Inzaghi ha sbloccato subito la partita con un tocco sottoporta al 3′ su assist di Immobile, poi è arrivata la rimonta dei padroni di casa, conclusa con 4 reti nella porta difesa da Strakosha. E per gli amanti delle statistiche si segnala che sia all’andata che al ritorno il Napoli ha trovato la via del gol al minuto 54 e al minuto 56. Finiti i dati di curiosità veniamo alla partita, nella quale si è vista un’ottima Lazio nel primo tempo e un Napoli straripante nel secondo. La formazione di Inzaghi, infatti, forte del gol in avvio, ha dato impressione per tutti i primpi 45′ di poter trovare facilmente la via del gol, ma la rete nel finale di frazione di Callejon ha rianimato la squadra di Sarri, tornata in campo con un furore incredibile nella ripresa. Dopo un paio di tentativi finiti a lato di poco da parte di Insigne il gol del vantaggio del Napoli arriva al 54′ con un’autorete di Wallace. Dopo due minuti un tiro di Mario Rui, deviato involontariamente da Zielinski, determina il 3-1 che affossa il morale della Lazio. Al 73′ arriva poi il poker di Mertens che chiude la partita e riporta il Napoli in testa alla Serie A TIM, scavando una frattura difficilmente colmabile tra il duo di testa e le altre.

Prosegue il momento felice del Torino che coglie la terza vittoria consecutiva in casa, sempre senza subire gol. Nota lieta di giornata anche il ritorno al gol di Belotti, autore di una sgroppata culminata nel gol del 2-0 al 66′. Nel primo tempo, la rete del vantaggio, l’aveva segnata invece Nkoulou, con un colpo di testa su calcio d’angolo al 32′. In classifica i granata, in serie positiva da 7 partite, si avvicinano all’ottavo posto dell’Atalanta, distante ora una sola lunghezza.

Nel giro di sette giorni due gol di Laxalt nel recupero regalano al Genoa due successi in trasferta che valgono oro in chiave salvezza. All’Olimpico, lunedì scorso, l’esterno sinistro era andato in gol al 92′, oggi, al Bentegodi contro il ChievoVerona, la rete del successo è arrivata al 91′, quando Laxalt dal limite ha trovato di sinistro il corridoio vincente. Genoa che sale così a 27 punti, a dieci di distanza dalla terzultima, in una posizione molto più tranquilla di poche settimane fa. Il ChievoVerona continua invece il suo momento di crisi, con quattro sconfitte consecutive e un attacco che non segna da tre giornate.