Cefalunews

Rapina ad un furgone di tabacchi: arrestato un 37enne

Nella mattina odierna a Palermo, su ordinanza di custodia cautelare in carcere disposta dal G.I.P. del Tribunale di Termini Imerese, militari del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Termini, con l’ausilio di personale della Stazione Carabinieri Oreto, hanno tratto in arresto un pregiudicato palermitano, RUBINO Pietro di 37 anni, per i reati di rapina aggravata in concorso, sequestro di persona e violenza privata.


L’arrestato, dopo una lunga e complessa attività investigativa, è ritenuto responsabile di una rapina ad un furgone di tabacchi avvenuta a Termini Imerese il 03 agosto 2016, quando un commando composto da altri quattro soggetti rimasti ignoti, bloccava i due dipendenti della ditta incaricata al trasporto che avevano appena ultimato una consegna e, dopo aver separato i due facendo salire uno di essi a bordo di un’auto rubata e l’altro sul furgone con i tabacchi unitamente ad un rapinatore, li conducevano nella zona del porticciolo di Trabia dove ad attenderli vi era un altro complice con un furgone sul quale sono stati caricati gli scatoli delle sigarette. Dopo aver trasferito il carico, il furgone con il complice si allontanava mentre i rapinatori a bordo dell’auto rubata sorvegliavano a vista per altri 10 minuti i due dipendenti affinché gli stessi non potessero dare l’allarme, per poi allontanarsi in direzione del capoluogo facendo perdere le loro tracce. Rubino Pietro, espletate le formalità di rito, è stato quindi condotto presso la Casa Circondariale “A. Burrafato” di Termini Imerese.

Related posts

Tusa: nuovi scavi della missione italo-inglese presso l’antica città di Halaesa

Redazione

Concorso fotografico nazionale “Cardioclick 2018”: vince la Fondazione Giglio

Redazione

Anziana investita da un Camion: grave in ospedale

Redazione

Pubblicità su Cefalunews: ecco da cosa iniziare

Redazione

Operazione dei carabinieri di Cefalù: arrivano dieci misure cautelari

Comunicato stampa

Madonie isolate: il vescovo Marciante chiama in causa la Regione

Redazione