Cefalunews

Padre padrone incastrato dal tema della figlia: condannato e due anni e sei mesi

A incastrarlo p stato un tema della figlia che racconta ai compagni di classe e ai professori il suo difficile rapporto con il padre-padrone. Il 49enne, infatti, picchiava la madre e la teneva a casa segregata impedendole di uscire con gli amici e di usare i social. L’uomo è stato accusato di maltrattamenti e condannato. La corte d’appello di Palermo gli ha dato due anni e sei mesi. La storia è accaduta a Partitico. In un tema la ragazzina scriveva: «Se c’è amore, non c’è violenza. Se penso questo è perché ci sono passata, anche se non sono stata io a subire le violenze di mio padre, ma mia madre. Nessuno può capire il suo dolore, delle mie sorelle di mio fratello e soprattutto di mia madre, nessuno! Io non perdonerò mia mio padre perché è senza cuore e ci ha fatto soffrire».


Un richiesta di aiuto e ascolto recepita dai professori che contattarono la famiglia: mentre la madre tentò di ridimensionare le accuse, la nonna, che era l’unica a prendersi cura della ragazzina e dei fratelli, dopo un’iniziale difficoltà ammise le violenze.

Sentita dai magistrati alla presenza degli psicologi, la studentessa confermò quanto raccontato nel tema e venne ritenuta credibile.

Related posts

Progresso e tutela dei dati personali: come cambia la privacy dopo il 25 Maggio?

Redazione

Cefalù: una Custodia eucaristica dell’artista Catania per la chiesa della Calura

Redazione

Soprana: entrano nel vivo i festeggiamenti dei santi Pietro e Paolo

Redazione

Nino Liberto, l’ultimo «ciciraru» cefaludese che faceva felici i bambini vendendo giocattoli

Rosa Maria Aquia

Basket Camp Cefalù 2018: ecco l’ottava edizione

...

Cefalù: un grazie alla dottoressa Raimondi, ai medici, ai pediatri e a tutto la staff

Redazione