Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Nestorovski stende l'Entella: il Palermo in testa alla classifica
Cefalunews

Nestorovski stende l’Entella: il Palermo in testa alla classifica

Il Palermo ha il suo nuovo bomber. E’ Nestorovski che un’altra doppietta – la seconda in quattro giorni – distrugge le ambizioni dell’Entella e trascina i suoi compagni in testa alla classifica. Il Palermo sfrutta gli stop di Empoli e Frosinone e torna ad assaporare l’ebbrezza del primato grazie a un 2-0 facile facile. Se il macedone segna anche su punizione significa che il Palermo ha davvero trovato il suo nuovo bomber.

La partita si è accesa subito per merito dell’Entella, arrivata al Barbera con le migliori intenzioni. Ritmi alti e giocate veloci: per spegnere la fiammata più importante dei biancocelesti c’è voluto il miglior Posavec. Fa tutto Crimi, che dopo l’ingresso in area si inventa un dribbling secco e un sinistro a giro su cui Posavec fa un miracolo uncinando con i polpastrelli quel tanto che basta per deviare la palla in angolo. E’ il settimo minuto: poco prima il Palermo aveva sfiorato il vantaggio con un rasoterra di Chochev finito vicino al palo di Iacobucci.

L’Entella coglie la traversa con un colpo di testa di Troiano anche se in posizione di fuorigioco. Lo imita Coronado che si presenta a tu per tu con Iacobucci. A metà del primo tempo l’arbitrio punisce con la massima punizione una trattenuta nel cuore di area di Pellizzer su Rispoli. Sul dischetto si presenta Nestorovski che spiazza il portiere e segna l’1-0. A questo punto i ragazzi di Tedino pressano alto, sfruttano le fasce e fanno viaggiare Rispoli, una spina nel fianco di Brivio. La ripresa finisce dopo 3 minuti, quando il solito Rispoli si inventa un assolo di 40 metri, prima di essere atterrato nei pressi del limite dell’area. La punizione di Nestorovski è un arcobaleno rosa che fissa il punteggio sul 2-0. Da lì in poi non succede praticamente più nulla. In conclusione il migliore in campo è Nestorovski. Glaciale sul rigore dell’1-0. Il raddoppio è una perla: tira fuori dal cilindro una parabola perfetta che muore all’incrocio dei pali.