Chiusura in deciso rialzo per la Borsa di Milano

A Piazza Affari l’indice Ftse Mib guadagna l’1,91% a 19.039 punti. Chiusura invece sotto quota 300 per lo spread tra Btp e Bund: il differenziale si è fermato a 296,3 punti, col rendimento del decennale italiano al 3,34%.

A rassicurare i mercati oltre la decisione di S&P che, pur tagliando l’outlook a negativo, ha confermato il rating sull’Italia a BBB anche le rassicurazioni del Governo che nel weekend si è detto pronto a intervenire sulle banche nel caso la situazione dovesse peggiorare.

Tra le blue chip di Piazza Affari, maglia rosa a StM (+5,62%), Banco Bpm (+5,01%), Bper (+4,41%), Telecom (+4,36%), Unicredit (+4,32%) e Ubi (+4,08%). In controtendenza Leonardo (-1,85%) su cui pesa l’incidente che ha visto coinvolto il proprietario del Leicester, Vichai Srivaddhanaprabha, morto nello schianto del suo elicottero sabato sera, assieme ad altre quattro persone. Il velivolo su cui viaggiavano è un AW169 prodotto dal gruppo italiano.

Fuori dal paniere principale sugli scudi Carige (+8,7%) e Mps (+7,62%). Ansaldo Sts vola (+8,97%) dopo l’annuncio che Hitachi Rail Italy Investments ha acquistato da Elliot il 31,8% e lancerà un’Opa totalitaria.