Il Palermo fa suo il big match con il Pescara

Il Palermo fa suo il big match con il Pescara, effettua il sorpasso e vola in testa alla classifica. Finisce 3-0 grazie ai gol di Puscas, Murawski e Moreo. Prova di forza dei rosanero che sbloccano il match sul finire del primo tempo, soffrono per quasi tutta la ripresa e arrotondano il punteggio nel finale, anche se la punizione e’ troppo pesante per la squadra di Pillon che anche in questa occasione ha dimostrato le sue potenzialita’. Minuto di silenzio per ricordare le vittime del maltempo della settimana scorsa. I tifosi della curva sono rimasti in silenzio per 10′ e hanno esposto striscioni con le scritte: “Piange Palermo ricordando i suoi figli” e “Il nostro silenzio e’ un grido di dolore” e “Palermo ringrazia chi ha pianto con noi”. La squadra rosanero e’ in campo con il lutto al braccio.

Palermo subito in avanti e vicino al gol al 9′ con Puscas che salta Fiorillo e si vede respingere la conclusione sulla linea di porta da Campagnaro. Al 16′ ci prova Trajkovski dal limite con un destro preciso che finisce di poco sul fondo. Il Pescara reagisce al 20′ con una conclusione di Machin che Brignoli blocca a terra. Al 24′ Brignoli viene impegnato severamente da un destro di Campagnaro. Al 27′ azione tutta macedone Nestorovski-Trajkovski e palla che sfiora il palo. Al 29′ Falletti ci prova da fuori, conclusione forte ma alta sopra la traversa. Al 37′ Palermo in vantaggio: Haas serve in mezzo all’area Puscas che aggancia e con un piatto destro infila Fiorillo. Nella ripresa al 7′ si fa vedere il Pescara con un tiro insidioso di Memushaj che Brignoli blocca. Il Palermo risponde all’11’ con un tiro da fuori di Jajalo di poco alto. Attacca il Pescara ma al 22′ Palermo va vicino al raddoppio con Trajkovski da distanza ravvicinata, Fiorillo si salva in angolo. Al 38′ occasione per il Pescara con Monachello di testa. Al 41′ il raddoppio con un destro di Murawski dai 20 metri che non da’ scampo a Fiorillo. Al 43′ il 3-0: Aleesami da sinistra mette in mezzo per Nestorovski che lascia palla a Moreo, destro rasoterra che trafigge Fiorillo.