Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Pippo Barranco: il primario chirurgo del Giglio sempre disponibile verso il prossimo
Cefalunews

Pippo Barranco: il primario chirurgo del Giglio sempre disponibile verso il prossimo

Giuseppe Barranco nasce a Cefalù il 21 novembre 1921. Si laurea brillantemente nel 1946 presso l’Università di Palermo, dove aveva frequentato da interno l’Istituto di anatomia diretto dal Prof. Luna e l’Istituto di patologia Chirurgica diretto dal prof. Saverio Latteri. Si era impadronito dei criteri di ricerca scientifica e di conseguenza si era potuto cimentare nella Tesi di Laurea sperimentale “Attività antibiotica di un aspergillus su germoi gram-negativi”. Nel 1951 il dott. Barranco vince il concorso di medico condotto nel comune di Gratteri. Viene in seguito nominato Assistente presso la Clinica Chirurgica Generale dell’Università di Palermo. Si specializza in Chirurgia generale nel 1953.

Nel 1959 consegue la libera docenza in Semeiotica chirurgica. Nel 1963 consegue la libera docenza in Clinica chirurgica generale e Terapia chirurgica. Nel 1966 il dott. Barranco chiamato affettuosamente  “Pippo” ricopre la carica, di primario Chirurgo di ruolo all’Ospedale “Giuseppe Giglio” di Cefalù e di Direttore Sanitario nello stesso Ospedale continuando a svolgere la sua attività di docente e chirurgo caratterizzata dalla completa dedizione al lavoro e totale disponibilità verso il prossimo. Quando qualcuno gli chiedeva qualche certezza sull’esito di una diagnosi era solito pronunciare questa frase “Prima Dio e poi io”. Da queste parole traspariva la sua fede in Dio, fu un fervente cattolico  praticante. 

Il dott. Pippo Barranco sposa  Flora Agolino e dal loro matrimonio nasce il figlio Giancarlo che seguirà le orme paterne ed oggi medico anche lui. Barranco, muore all’età di 70 anni,  il 13 ottobre 1991.

Inauguriamo su cefalunews una sezione per far conoscere i medici cefaludesi che hanno operato a Cefalù lasciando un segno importante della loro presenza. L’idea di raccogliere le loro biografie è del Kefablog, l’iniziativa nata per far conoscere Cefalù, finanziata con 1.800 euro di borse di studio costituite dagli emigrati cefaludesi che fanno parte dell’associazione Cefaludesi nel mondo. (Ossuna – Granaio)