Attenzione all’E171: si trova in formaggi e dolci ma può favorire il cancro

Il suo nome è biossido di titanio ma da tutti è conosciuto come E171. E’ un composto chimico che si presenta sotto forma di polvere cristallina incolore, tendente al bianco. E’ un additivo ampiamente usato che è molto più pericoloso di quanto si pensa. Si può trovare in numerosi alimenti come formaggio o dolci. Conferisce un forte colore bianco e garantisce anche una maggiore durata. I ricercatori dell’Università di Sydney hanno scoperto in un recente studio che il biossido di titanio non è sicuro perché favorisce lo sviluppo dell’infiammazione intestinale e del cancro del colon-retto.

Il team degli scienziati australiani ha dimostrato che il biossido di titanio interagisce e influenza il funzionamento dei batteri nell’intestino. Ecco perché favorisce l’infiammazione dell’intestino e il cancro del colon. I risultati di questo studio sono stati presentati sulla rivista “Frontiers in Nutrition”.

A contenere questo additivo sono oltre 900 diversi alimenti ed anche diversi medicinali. Da oltre mezzo secolo viene utilizzato credendolo innocuo. Lo studio ha esaminato gli effetti del biossido di titanio sulla salute intestinale nei topi. Gli scienziati australiani hanno scoperto che le nanoparticelle di biossido di titanio interagiscono con i batteri intestinali e favoriscono la formazione di un biofilm microbico indesiderato. «L’obiettivo di questa ricerca è stimolare le discussioni su nuovi standard e regolamenti per garantire l’uso sicuro degli additivi in ​​Australia e in tutto il mondo!, ha detto Wojciech Chrzanowski in un comunicato stampa sui risultati dello studio.

Su questo argomento l’Università di Zurigo ha già indicato in uno studio del 2017 che E171 può aumentare l’infiammazione dell’intestino. La Francia ha già risposto alla potenziale minaccia dell’E171 e per questo ne vieta l’utilizzo per la produzione alimentare a partire dal prossimo 1° gennaio 2020.