Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Perché bere acqua di cocco fa male? Risponde la medicina
Cefalunews

Perché bere acqua di cocco fa male? Risponde la medicina

Perché bere acqua di cocco fa male? L’acqua di cocco è troppo pesante. Se si confronta l’acqua di cocco fresca e non zuccherata con la soda o il succo di frutta vengono fuori le sorprese. Molte acque di cocco vengono addolcite, quindi una porzione da 330 ml può contenere più di 15 grammi di zucchero. Uno studio ha scoperto che l’acqua di cocco non ha migliorato le prestazioni dei ciclisti e coloro che hanno bevuto acqua di cocco hanno assunto meno liquidi di quelli che hanno bevuto acqua. A far sapere che l’acqua di cocco non fa bene è il sito https://www.thejakartapost.com che ha chiesto il parere di cinque esperti. Ben quattro di loro hanno dimostrato che l’acqua di cocco non fa bene. Commercializzata come bevanda naturale per la salute, i marchi pubblicano varie indicazioni sulla salute che promuovono l’acqua di cocco. L’acqua di cocco. A sentire gli esperti, quindi, per idratarsi occorre attenersi sempre alla buona vecchia acqua del rubinetto. L’acqua di cocco è il liquido chiaro, traslucido, contenuto nei frutti acerbi della pianta. E’ presente solo nelle noci di cocco ancora verdi.

MIGLIORI INTEGRATORI PER DIMAGRIRE: ORA IN OFFERTA SPECIALE
CLICCA QUI

Come estrarre acqua di cocco? Le noci da cui si estrarre l’acqua di cocco devono essere giovani e ancora verdi. Man mano che il frutto matura, infatti, l’acqua di cocco viene assorbita dalla polpa. L’acqua di cocco, pertanto, è il liquido chiaro che si trova all’interno del frutto non ancora maturo. In Europa siamo abituati a mangiare il cocco di colore marrone. Questo in realtà è solo il nocciolo della noce di cocco verde. Il nocciolo marrone contiene una minima percentuale di liquido. L’acqua di cocco è estratta dal frutto non maturo prima che inizi a formarsi il nocciolo. Prima di questa fase, il liquido della noce verde ha un basso contenuto calorico (circa 16,7 Kcal) ed è naturalmente privo di grassi. Nel frutto sono contenuti circa 250-300 ml di liquido, ma le noci più grandi possono arrivare anche a 500 ml.

Quali sono i benefici dell’acqua di cocco? Il contenuto di potassio, magnesio e calcio porta a dire che l’acqua di cocco ha proprietà idratanti, rinfrescanti e preventive rispetto ai crampi muscolari. L’effetto idratante dell’acqua di cocco porta benefici anche alla pelle. L’acqua di cocco fa bene anche a chi accusa problemi renali perché è un’acqua diuretica. Grazie al contenuto di alcuni minerali, l’acqua di cocco è adatta anche per le diete dimagranti, essendo peraltro povera di grassi e calorie. L’acqua di cocco ha un buon contenuto di enzimi utili alla digestione. L’acqua di cocco può avere un impatto positivo sulla pressione e sulla circolazione sanguigna, grazie al contenuto di potassio, fibre e vitamine, unito a basse percentuali di sodio. La presenza di acido laurico, inoltre, rende utile l’acqua di cocco per le difese immunitarie. Tutto questo grazie anche alla sua azione antibatterica e antimicrobica. Per l’insieme delle peculiarità elencate, l’acqua di cocco è indicata anche per l’alimentazione durante la gravidanza. L’acqua di cocco è priva di glutine e lattosio. Per questo è adatta al consumo anche da parte dei celiaci, dei vegani e dei latto-intolleranti. La versione non pastorizzata, inoltre, può rientrare senza problemi in un regime alimentare crudista. Attenzione, però, l’acqua di cocco e le sue proprietà vengono spesso esaltate eccessivamente, anche per giustificare un prezzo di vendita elevato. L’acqua di cocco contiene alcuni enzimi che oltre a favorire la digestione aiutano anche a prevenire problemi di bruciore e acidità di stomaco. Bere acqua di cocco aiuta a idratare la pelle dall’interno e consente di regolare la produzione eccessiva di sebo.