Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Ente Parco delle Madonie: 100 metri di solidarietà per 3500 mascherine
Cefalunews

Ente Parco delle Madonie: 100 metri di solidarietà per 3500 mascherine

PARCO DELLE MADONIE – E’ partita stamattina dalla provincia di Catania una catena di solidarietà che da Calatabiano raggiungerà le Madonie. La solidarietà quella che scalda il cuore e soprattutto gratuita. La Startex Srl, un’azienda che da diverse generazioni si occupa di commercio di tessuti made in Italy, che ha già fornito migliaia di mascherine a Sindaci di molti Comuni siciliani, Forze Armate, e Presidi Ospedalieri, continua nella propria opera di sensibilità verso chi in questo momento non ha grandi margini di spostamento. Dice il Commissario Caltagirone – “Il Parco delle Madonie ha messo in moto la macchina organizzativa per assicurare al territorio, e non solo, le mascherine che, in previsione dell’annunciato picco dei contagi possono essere davvero determinanti per scongiurare ulteriori pericoli per le nostre comunità, nelle quali, fra l’altro, vi è una cospicua presenza di anziani”. Continua – Ringrazio pubblicamente la Startex di Calatabiano e il Responsabile Salvatore Trovato, l’Assessore Regionale al Territorio Toto Cordaro, il Corpo Forestale Regionale e i loro dirigenti Filippo Principato e Giuseppe Chiarelli che hanno coordinato le operazioni di trasporto, il CAO Sicilia e l’Azienda madonita Coppole e Maglie di Petralia Sottana che con l’aiuto di altri volontari realizzerà le mascherine”. Il ritiro è stato coordinato dalla responsabile regionale del CAO SICILIA Sandy Villari che dichiara – desidero ringraziare l’assessore Stefano Brianni, del Comune di Calatabiano per la disponibilità e la sensibilità nel farsi portavoce della richiesta di 100 mt e più di tessuto che consentirà la realizzazione di 3500 mascherine, alcune delle quali, saranno destinate anche ai nostri volontari, in prima linea, in modalità h24, in Provincia di Palermo e che si occupano della distribuzione e recapito degli alimenti ai cittadini più bisognosi”.

Share this