Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Cosa succede a chi vuole dimagrire e mangia gli asparagi?
Cefalunews

Cosa succede a chi vuole dimagrire e mangia gli asparagi?

Cosa succede a chi vuole dimagrire e mangia gli asparagi? Gli asparagi secondo la nutrizionista Daisy Connor sono un cibo «guilt free» ovvero sono un alimento che potrebbe far dimagrire in quanto hanno la doppia virtù di essere poco calorici e al tempo stesso di bruciare più del loro apporto calorico. Gli asparagi sono un cibo dalle proprietà disintossicanti grazie alle loro note proprietà diuretiche. Gli asparagi sono un ortaggio ricco di nutrienti benefici. Gli asparagi aiutano nella prevenzione di diverse patologie grazie al loro potere antinfiammatorio e antiossidante. Gli asparagi sono ricchi di fibre, vitamine (in particolare vitamina A, C, E e alcune del gruppo B). Gli asparagi contengono fosforo, potassio e cromo che sono molto utili al corretto funzionamento dell’organismo.

E’ vero che gli asparagi depurano l’organismo? Sì. Gli asparagi sono molto ricchi di una sostanza denominata glutatione che è utile a favorire la depurazione dell’organismo. Questa sostanza, inoltre, migliora la capacità di liberarsi di sostanze dannose e componenti cancerogeni, oltre che dei radicali liberi. Ecco perché gli asparagi sono importanti nella prevenzione di alcune forme di cancro ed in particolare a quello alle ossa, al seno, al colon, alla laringe ed ai polmoni. Gli asparagi sono inoltre ricchi di antiossidanti e per questo contrastano i segni dell’invecchiamento. Secondo alcuni studi scientifici, che attendono altre conferme, gli asparagi potrebbero essere utili anche per rallentare il processo di avanzamento dell’età biologica.

Quali sono i benefici degli asparagi? Gli sporangi aiutano a ridurre la pressione arteriosa grazie al loro potere diuretico. Negli asparagi è presente una sostanza che inibisce l’enzima di conversione dell’angiotensina che un ormone che stimola la pressione arteriosa. In questo modo gli asparagi impediscono l’ipertensione e preservano le funzioni renali. Gli asparagi sono ipocalorici e questo grazie al loro ridotto apporto calorico. Gli asparagi rafforzano i capillari perché sono ricchi di rutina che è una una sostanza che migliora il microcircolo. La rutina sarebbe capace di stimolare l’elasticità dei capillari e quindi migliora la circolazione. Gli asparagi aiutano il cervello a contrastare il declino cognitivo.

Gli asparagi aiutano chi ha il diabete? Mangiare regolarmente asparagi potrebbe aiutare a controllare i livelli di glucosio nel sangue. In questo modo verrebbe a migliorare la secrezione di insulina e il funzionamento delle beta cellule del pancreas che la producono. A queste conclusioni è arrivato uno studio pubblicato sul British Journal of Nutrition. Una ricerca condotta da alcuni ricercatori Pakistani ha dimostrato che gli asparagi possono essere d’aiuto a chi soffre di diabete di tipo 2. Questo perché tengono sotto controllo la malattia in quanto diminuiscono la concentrazione di zuccheri nel sangue e stimolano, quindi, il pancreas a produrre più insulina.

Chi non dovrebbe mangiare gli asparagi? Gli asparagi non presentano particolari controindicazioni. Un po’ di attenzione devono averla coloro che hanno una certa ipersensibilità alla pianta. Attento dovrebbe essere chi è allergico alle piante della famiglia delle Liliacee a cui appartengono anche cipolla, aglio e porro. Gli asparagi sono sconsigliati a chi soffre di calcoli o disturbi ai reni perché sono alimenti ricchi in purine. Tra gli effetti collaterali degli asparagi vi è un odore caratteristico che assume l’urina dopo il loro consumo. In questo caso nessuna paura perché è dovuto alla presenza di asparagina. Chi soffre di insonnia dovrebbe evitare il consumo di asparagi la sera.