Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Cosa succede a chi mangia patate cotte a vapore? Ecco l'incredibile risposta
Cefalunews

Cosa succede a chi mangia patate cotte a vapore? Ecco l’incredibile risposta

Cosa succede a chi mangia patate cotte a vapore? Le patate cotte a vapore mantengono tutte le proprietà benefiche che possiedono. Quando, infatti, le patate vengono bollite in acqua vi disperdono alcune sostanze benefiche, come vitamine, minerali e antiossidanti. Le patate cotte a vapore, infatti, preservano le caratteristiche organolettiche e gustative e non producono molecole tossiche come può accadere, per esempio, con la frittura. Le patate cotte a vapore, inoltre, non producono nemmeno sostanze difficili da digerire che si hanno, invece, con la cottura ad alte temperature. Nelle patate cotte a vapore, infine, non si aggiungono oli e condimenti vari che possono risultare anche dannosi per la salute. Il vapore preserva buona parte delle vitamine termolabili e i sali minerali delle patate.

Quali cibi cuocere al vapore? I broccoli si prestano in maniera ottimale alla cottura a vapore. Per cuocerli al vapore occorre anzitutto prepararli. Vanno, infatti, puliti prima di tutto con della buona acqua. Per dimezzare i tempi di cottura, invece, è bene tagliarli a pezzetti su un tagliere con un coltello ben affilato. Vanno eliminati i gambi. A questo punto si riempie una pentola con all’incirca 3 centimetri di acqua. I broccoli, invece, vanno adagiati su un cestello posto sopra il livello della limpida acqua senza metterlo a contatto con essa. Non appena la chiara acqua bolle si attende qualche minuto prima di scendere i broccoli, altrimenti possono diventare molli.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Piperina e Curcuma PLUS, l'unico integratore che ti fa perdere peso

Quali cibi non cuocere al vapore? I carciofi non andrebbero cotti al vapore perché, altrimenti, hanno tempi lunghi di cottura che si aggirano intorno al 30 minuti. Prima di essere pronti per la cottura i carciofi hanno bisogno di una pulizia completa. Per pulirli è necessario privarli delle punte e delle foglie esterne perché sono troppo dure e rovinerebbero la preparazione. Eliminando le foglie più esterne si raggiunge il cuore dei carciofi. Per evitare il loro sapore amaro va eliminata la peluria interna che si trova al centro. I carciofi tagliati si ossidano e quindi vanno subito immersi in una bacinella contenente acqua fredda e limone.

Quali sono i benefici delle patate? Le patate aiutano a dimagrire perché contengono nutrienti e carboidrati complessi. Le patate, inoltre, possiedono un alto indice glicemico che permette allo stomaco di sentirsi sazio per più tempo. Le patate sono ricche di vitamina B6, una sostanza necessaria per il rinnovamento cellulare, e mantenere così il sistema nervoso in salute. Solo 100 grammi di patate al forno contengono il 21% del fabbisogno giornaliero di questa vitamina. Le patate, infine, stimolano la secrezione di un ormone chiamato acido gamma-amino-butirrico, che aiuta a calmare lo stress, permette al cervello di rilassarsi e concilia il sonno.

Le patate proteggono l’apparato digerente? Le patate sono un alimento ricco di fibre e questo favorisce la corretta attività intestinale. Una sola patata al forno fornisce quasi il 12% della quantità giornaliera raccomandata di fibra. Le patate cotte al forno sono morbide e facili da digerire e quindi ottime per alleviare eventuali irritazioni dell’apparato digerente. Per calmare qualsiasi infiammazione esterna, invece, occorre solo sfregare una patata cruda sulla zona interessata. Le patate, inoltre, migliorano le funzioni cerebrali. Le elevate quantità di rame e ferro delle patate stimolano l’attività cerebrale. Le patate, infine, aiutano anche chi soffre di infiammazioni croniche interne o esterne.