Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Olio CBD: funziona davvero per rilassarsi?
Cefalunews

Olio CBD: funziona davvero per rilassarsi?

Negli ultimi tempi, chiunque abbia iniziato a provare olio CBD (nei Paesi dove è legale) sembrerebbe consigliarlo a chiunque. In effetti, è ritenuto un vero toccasana per ristabilire l’equilibrio psicofisico, in maniera del tutto naturale e senza alcun effetto collaterale dimostrato.

Per chi non lo sapesse, con CBD si indica uno dei principali metaboliti estratti dalla pianta di canapa Sativa, tecnicamente definito come cannabidiolo.

Nei luoghi dove vendita e consumo di questi prodotti sono consentiti, ognuno può beneficiarne come preferisce, scegliendo in base alla percentuale di CBD contenuta. In Italia, preparati con questi principi attivi e canapa light sono disponibili in shop online e offline. Ad esempio è possibile acquistare olio di cbd JustBob, noto negozio online che si occupa di prodotti da collezione in questo settore.

Olio CBD: come aiuta l’organismo a rilassarsi?

Prima di analizzare, nel dettaglio, in che modo il CBD agisce sull’organismo, rilasciando esclusivamente effetti positivi, è bene chiarire un concetto fondamentale: si tratta di una sostanza ricavata da marijuana legale, cioè che rispetta le  percentuali di THC e CBD imposte dalle normative italiane.

Il cannabidiolo riesce ad interagire col sistema endocannabinoide, presente in tutti i mammiferi e di primaria importanza perché, seppur scoperto recentemente, regola le funzioni essenziali per l’organismo.

Tali funzioni vengono regolate mediante due recettori: CB1 e CB2, presenti nel sistema nervoso centrale e periferico.

Il CBD riesce a legarsi ad entrambi i ricettori, avendo così dei risultati a livello mentale, ma anche fisico.

Per tale ragione, l’uso di prodotti come oli a base di CBD vengono utilizzati per contrastare dolori cronici, ma anche come infiammatori o per placare stati di ansia e stress.

Durante il 2020, il virus covid-19 sembrerebbe aver di gran lunga aumentato l’uso di cannabis light, poiché il lockdown forzato ha avuto pesanti ripercussioni sulla psiche di numerose persone.

Qui un articolo da “La Repubblica” riguardo dei recenti studi condotti in Canada per approfondire le ricerche riguardo i legali tra CBD e le patologie maggiormente diffusesi durante la pandemia che ha colpito il mondo intero.

Olio CBD: come utilizzarlo per un’esperienza di relax

IL CBD è uno dei 104 metaboliti presenti nella Cannabis, ma assieme al THC, è l’oggetto di studi più frequente.

In effetti, partendo dal presupposto che non crea dipendenza o effetti collaterali, si può notare come si stia imponendo come terapia alternativa, del tutto naturale e dalla qualità certificata (se si acquistano i prodotti giusti).

Ma, come utilizzare l’olio cbd per un’esperienza di puro relax? Prima di tutto, si consiglia di modulare il dosaggio in base alla percentuale di CBD contenuta e alla problematica che ne scaturisce l’assunzione.

Di solito, si parte con le dosi minime e, nel caso in cui non si riscontrasse alcun tipo di sollievo, gradualmente si possono aumentare.

Nel caso in cui ci si volesse semplicemente rilassare dopo giornate stressanti, è preferibile un’assunzione a bassa intensità.

Si potrebbe persino optare per pomate al CBD con cui fare dei rilassanti massaggi al corpo e distendere i muscoli.

Olio CBD: qual è il giusto dosaggio?

E’ molto interessante capire come dosare le gocce di olio cbd da assumere per via sublinguale (la scelta più rapida ed efficace per effetti immediati).

Prima di tutto, come già accennato, bisogna considerare la quantità di cannabidiolo presente nell’olio e rapportarla all’entità della problematica che si sta vivendo.

Infatti, nel caso di disturbi del sonno e frequenti attacchi di ansia, l’intensità consigliata è medio-alta.

Molti consumatori iniziano con oli da una concentrazione di cbd pari al 5%, assumendo 4/5 gocce al mattino e poi prima di andare a letto.

Si consiglia di seguire tale routine per 15 giorni almeno, in modo da verificare l’impatto del CBD sul proprio organismo. Nel caso in cui non si vedano benefici, si può gradualmente aumentare la dose.

La dose massima consigliata è di 10/15 gocce al giorno, da stabilire in base alla gravità dei propri problemi. Naturalmente, si tratta di informazioni generiche: consultare un medico è la scelta più saggia, così da avere la certezza di trarre il meglio dall’olio cbd per rilassarsi.

Olio CBD: perché utilizzarlo?

Attualmente, è chiaro che le conoscenze riguardo il CBD siano ancora limitate al campo medico. Tuttavia, con la legalizzazione della cannabis light in Italia, prodotti a base di cannabidiolo stanno avendo un forte impatto sui mercati.

Nello specifico caso dell’olio CBD, si è visto come sia privo di effetti collaterali e, naturalmente, non altera in alcun modo la psiche dei consumatori.

In effetti, il cannabidiolo vede un campo d’applicazione molto più vasto di quello menzionato, risultando ottimale anche per la cura della propria pelle, o per problematiche più serie, come per l’epilessia o il morbo di Parkinson.

Insomma, i benefici legati all’olio CBD sono davvero numerosi e, quando il proprio corpo necessita di una pausa e si avverte il bisogno di un momento di relax, la scelta più giusta è sempre utilizzare un prodotto naturale al 100%.

Con prezzi variabili e accessibili in base alle proprie preferenze, l’olio cbd ha già conquistato il favore di migliaia di persone.