Pressione alta? Ecco i 5 cibi che non si devono mangiare

L’ipertensione arteriosa, ovvero la pressione alta, è una condizione molto diffusa in Italia e nel mondo. In aiuto possono alcuni cibi da evitare. L’ipertensione arteriosa, infatti, è determinata da un aumento della pressione con cui il sangue scorre nelle arterie. Più alta è la pressione sanguigna, più elevato è il rischio di andare incontro a infarti e ictus. Secondo l’organizzazione mondiale della sanità è considerata normale una pressione sistolica (o massima) minore di 130 mm Hg e una pressione diastolica (o minima) minore di 85 mm Hg. Si inizia a parlare di ipertensione quando la pressione massima raggiunge e supera i 140 mm Hg e la pressione minima i 90 mm Hg.

I 5 cibi che non si devono mangiare

Sale.

L’eccessivo consumo di sale, soprattutto nelle persone predisposte, è un fattore di rischio ritenuto molto importante. Le linee guida consigliano di assumere 1 cucchiaino di sale da cucina al giorno. Dose che potrebbe diminuire in caso di ipertensione moderata-grave. La decisione spetta al proprio medico curante.

Alcol.

Bere molto alcol è collegato a un innalzamento della pressione arteriosa. Il consiglio, quindi, è di non bere bevande alcoliche in presenza di pressione alta.

Affettati.

Vanno assolutamente evitati gli affettati grassi come salsicce, lardo e pancetta. Questi alimenti, infatti, oltre ad avere un contenuto elevato di sale nascosto, sono anche ricchi di grassi che potrebbero portare a un aumento del peso corporeo e a una condizione di obesità. Tra gli affettai bisogna porre attenzione anche s prosciutto crudo, prosciutto cotto, speck e bresaola perché contengono un quantitativo abbondante di sale per la loro conservazione.

Formaggi salati.

Alcuni formaggi come il pecorino, il provolone o le sottilette contengono elevati quantitativi di sale. Ecco perché in caso di ipertensione questi formaggi andrebbero evitati. Bisognerebbe preferire formaggi con un contenuto di sale minore, come la ricotta.

Pizza.

La pizza apporta tanto sale nascosto. Una pizza con pomodoro e mozzarella tuttavia contiene ben 3 grammi di sodio. Una quantità assai superiore al nostro fabbisogno giornaliero.