Villafrati, urla e percosse sui bambini all’asilo: maestra agli arresti domiciliari

Urla e violenze sia fisiche chepsicologiche. Così si sarebbe rapportata una maestra di una scuola dell’infanzia di Villafrati con suoi allievi, tutti bimbi di neppure quattro anni. La donna, una 46enne della provincia di Agrigento, è adesso agli arresti domiciliari. L’operazione è stata denominata “Escape room”. La misura cautelare è stata eseguita dai carabinieri della Compagnia di Misilmeri, su delega della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Termini Imerese. L’insegnante è ritenuta responsabile del reato di maltrattamenti.

Le indagini sono scattate a marzo dopo la denuncia presentata dalla madre di un’alunna di tre anni, che aveva notato cambiamenti caratteriali nella piccola e comportamenti che l’hanno messa in allarme. “I successivi accertamenti – dicono i carabinieri – hanno messo in luce la condotta sistematica dell’insegnante, consistente in reiterati atti di violenza psicologica e fisica, urla, minacce e percosse nei confronti degli alunni, tutti di età inferiore ai quattro anni. Il quadro indiziario a carico dell’insegnante, nonché l’abitualità della condotta contestata, hanno consentito al gip di Termini Imerese di applicare la misura cautelare”.