Al Castelbuono jazz festival si discute di cultura

Al Castelbuono jazz festival si è discusso di cultura. Al centro del confronto di lunedì sera in piazza Margherita il disegno di legge già approvato alla camera, e in discussione al Senato, sulle disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo. A parlarne la senatrice e vice presidente del Senato, Rosa Di Giorgi, che ha evidenziato i punti più importanti del disegno di legge che sarà approvato a giorni dal Senato. “Il vasto settore dello Spettacolo dal vivo avrà a disposizione un quadro normativo organico e unitario. E’ una legge di sistema attesa da 40 anni. Lo spettacolo dal vivo è un circuito grande e prezioso che genera cultura, lavoro ed economia, dando risultati che il nostro paese deve apprezzare ed incrementare. Con questa legge, attesa sin dagli anni ottanta, speriamo di dare a tutti i protagonisti dello Spettacolo dal Vivo lo strumento di riferimento per un nuovo sviluppo». Al confronto, moderato dal nostro direttore Mario Macaluso, hanno partecipato l’assessore alla cultura del comune di Palermo, Andrea Cusumano, l’ex assessore al turismo della regione siciliana, Cleo Li Calzi, Antonio Presti, il responsabile cultura del Pd siciliano, Antonio Ferrante, e il sindaco di Castelbuono Mario Cicero.

Nel corso del confronto spazio è stato dato al programma di massima sulle iniziative che saranno promosse nel 2018 per Palermo capitale della cultura. «Il lavoro fatto per la candidatura a Capitale europea della Cultura 2019 – ha detto l’assessore Cusumano – ha consentito di intraprendere più velocemente il lavoro per Manifesta e quello per Capitale italiana della Cultura 2018. Manifesta è un’opportunità importante che può portare a Palermo sviluppo e potenzialità, anche dopo la manifestazione».