Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Viaggio fra le palestre: Pernice e la «Bushido Lascari»
Cefalunews

Viaggio fra le palestre: Pernice e la «Bushido Lascari»

Iniziamo un viaggio fra le palestre di Cefalù e del territorio. Un modo per conoscere questo mondo e per apprezzare quanti si spendono ogni giorno nell’offrire occasioni per tenere in forma il corpo umano. Intervistiamo Stefano Pernice della Bushido Lascari. Dopo aver praticato karate sin da ragazzo, la passione di Stefano si è presto orientata verso l’insegnamento di tale disciplina. La sua formazione è avvenuta così in seno alla Fijlkam, Federazione Italiana Judo Lotta Karate e Arti Marziali, accreditata dal Coni. Un lungo percorso, che lo ha portato ad acquisire negli anni la qualifica di Istruttore Federale. Otto anni fa, ha deciso di mettere in pratica tutto ciò che aveva imparato, dando vita alla “Bushido Lascari”, un’associazione sportiva che gli ha già dato tante soddisfazioni e che tante me ne darà in futuro, non soltanto per i risultati agonistici ottenuti sia a livello regionale che nazionale, con già diversi campioni regionali, fino al recente quinto posto di Giuliana Cirincione al Campionato Italiano di Kumite per gli Esordienti A, per le numerose cinture nere già formate in questi anni, ma anche e soprattutto per i tanti bambini e ragazzi, provenienti anche da paesi limitrofi, che hanno sempre frequentato le mie lezioni con impegno e passione. «Oggi posso dire che la mia più grande soddisfazione – commenta – è vedere il sorriso dei miei allievi ogni volta che escono dalla palestra dopo un lungo e faticoso allenamento, insieme all’approvazione dei loro genitori. Questo lo definisco il mio principale curriculum!»

Sempre più persone oggi decidono di andare in palestra. Perché si dovrebbe scegliere di tenersi in forma frequentando la palestra?
La pratica di una qualsiasi attività sportiva è molto importante, sia dal punto di vista fisico che mentale. I benefici aumentano se, anziché affidarsi al fai da te, si ha la possibilità di frequentare una palestra, in cui si possa essere seguiti in maniera costante da un istruttore qualificato. I benefici apportati da questa pratica sono svariati: innanzitutto, l’attività fisica distrae la mente dallo stress quotidiano, aiutando a scaricare le tensioni; migliora la struttura muscolare e la forma fisica; aiuta a sentirsi meglio e a prevenire le malattie cardio-vascolari, innalzando, tra l’altro, il metabolismo e le difese immunitarie e migliorando la qualità del sonno notturno; favorisce il contatto con altre persone, migliorando la socializzazione e dando vita a nuove amicizie “reali”, lontani dagli schermi dei computer; induce a vincere la pigrizia. La palestra è un’occasione unica per dedicare del tempo a noi stessi in maniera corretta e tutto ciò si ripercuote positivamente sulla nostra quotidianità.

Cosa offre la vostra palestra a quanti la frequentano?
La mia Associazione sportiva, regolarmente affiliata con la FIJLKAM, offre dei corsi di Karate sportivo (da oggi sport olimpico), specifici per ogni fascia di età, con un’attenzione particolare all’avviamento all’attività sportiva per le fasce più giovani (4-7 anni) e una specializzazione per coloro i quali scelgono di dedicare le loro energie e le loro passioni all’agonismo. La “Bushido Lascari” offre anche dei corsi di difesa personale per tutti e specifici per le donne, entrambi gestiti dal tecnico federale Antonio Pisa.

A cosa sono interessati maggiormente quanti scelgono la vostra Palestra?
La mia Associazione, con il suo piccolo “dojo”, non è una semplice palestra. La pratica delle arti marziali offre dei benefici, che vanno al di là del semplice benessere psico-fisico. Innanzitutto, la disciplina che caratterizza questo insegnamento, che è alla base di ogni successivo apprendimento. I ragazzi imparano col tempo ad autodisciplinarsi, a prendersi cura del loro corpo e delle loro cose; imparano il rispetto di se stessi, del loro tempo e dei loro compagni; imparano a porsi degli obiettivi e si impegnano duramente per raggiungerli, non abbattendosi davanti alle sconfitte e rafforzando la loro forza di volontà. Penso che chi decida di dedicarsi a questo sport e, in particolare, i genitori dei tanti ragazzi che frequentano la mia Associazione, siano interessati, soprattutto, a quest’aspetto formativo, che negli anni potrà fornire gli strumenti adatti ad affrontare la vita e le sue difficoltà, con entusiasmo e determinazione.

Che consiglio ti senti di dare a chi deve scegliere una palestra per la sua attività fisica?
Ovviamente, per rispondere a questa domanda, farò riferimento alla mia esperienza nel campo delle arti marziali e, in particolare, del karate. Mentre per un adulto la scelta di una palestra sarà fondamentalmente in funzione dell’obiettivo che si vuole raggiungere (tenersi in forma, partecipare a gare e competizioni, imparare l’aspetto culturale della tradizione marziale, migliorare la propria sicurezza, il controllo e la concentrazione, o, ancora, imparare a difendersi), per i bambini il discorso si fa molto più complesso. Innanzitutto, la scelta spetterà ai genitori: io consiglio sempre di osservare criticamente lo svolgimento delle lezioni e magari anche degli esami di graduazione, per capire i risultati che si possono raggiungere nel tempo. E’ importante che il maestro sia qualificato, ma ciò non sarà sufficiente per operare una buona scelta. Bisogna osservare l’impostazione del suo lavoro: il rapporto che instaura con i suoi allievi; la suddivisione dei corsi per fasce di età e graduazione, in modo da proporre dei lavori specifici in base alle caratteristiche psico-fisiche dei diversi allievi; l’organizzazione delle lezioni, che non dovranno essere frutto di improvvisazione, ma di un’organizzazione ben strutturata. L’obiettivo principale di ogni maestro non può limitarsi alla formazione di “campioni”: al primo posto deve esserci sempre lo sviluppo psico-fisico del bambino, che imparerà divertendosi a controllare il proprio corpo e le proprie emozioni, sempre nel rispetto di se stesso, del maestro, dei compagni e delle regole di comportamento. Non “campioni”, quindi, ma adulti responsabili, in grado di affrontare la vita!