Realtime blog trackingRealtime Web Statistics SoftAir: a Gratteri la prima tappa del campionato regionale
Cefalunews

SoftAir: a Gratteri la prima tappa del campionato regionale

Il centro turistico del Parco delle Madonie ospiterà la prima tappa del Campionato Asi/Ccs regione Sicilia di Softair. Il 28 aprile il centro cittadino, ed è una novità assoluta, si trasformerà in un teatro di operazioni militari, animato da atleti – combattenti provenienti da tutta la Sicilia. L’iniziativa è sostenuta dall’Asi, Associazioni Sportive Sociali, Ente riconosciuto dal Coni e dal Ministero degli Interni e si inserisce nel Campionato Nazionale Combat Scenari (Ccs).

“Lo scenario – commenta Francesco Incrapera, organizzatore della tappa gratterese – è ambientato a Mosca. Una novità assoluta lo scenario urbano che abbiamo realizzato con dettagli ben curati. La storia: un gruppo di guerriglieri è asserragliato in alcuni edifici: bisogna intevenire e bonificare l’area. Vincerà chi conquisterà tutti gli obiettivi, tra missioni primarie e secondarie. Il tutto è stato possibile grazie al sostegno dell’Amministrazione comunale guidata dal Sindaco Giuseppe Muffoletto che ci ha permesso poter competere nell’abitato di Gratteri. Tutto, naturalmente, si svolgerà nella massima sicurezza e tutti i cittadino saranno avvisati. La competizione sarà diretta dagli arbitri della Federazione italiana Softair. Precisiamo che queste competizioni rispettano l’ambiente e non lasciano alcuna traccia”. Nessuna paura quindi se il 28 aprile camminando per le vie di Gratteri vi imbatterete nella Delta Force o in un Commando ceceno. “Al momento – spiega Fabio Lupo, Responsabile regionale Asi – sono sette le squadre iscritte. Dalle tre tappe previste in Sicilia, il 30 Giugno poi a Piana degli Albanesi e l’8 settembre a S. Nicola, si accederà alle finali nazionali. Saranno presenti arbitri ed operatori militari nazionali. Per gli appassionati di questa disciplina, sarà un evento eccezionale, unico, per gli scenari proposti”. Un evento che sarà curato anche da Rosario Mangano, istruttore Coni Ccs, Marco Caruso, responsabile Regionale Ccs e Simone Filippone curerà le riprese video.