Realtime blog trackingRealtime Web Statistics La vita dura delle videolottery in Italia
Cefalunews

La vita dura delle videolottery in Italia

Molte regioni italiane hanno preso provvedimenti sulla regolamentazione del gioco d’azzardo, a partire dalle videolottery. Le Vlt in Italia godono al contempo di ampio successo e di vita dura. E probabilmente al primo è imputabile la seconda. Nelle regioni in cui si è corsi ai ripari, in tema di gioco d’azzardo, quasi sempre i provvedimenti sono diretti a slot e videolottery. I meccanismi per regolare il gioco d’azzardo terrestre (Vlt non online e AWP), sono in genere di due tipologie. Il distanziomentro e le fasce orarie.

Il primo meccanismo, il distanziometro, impone una distanza minima tra le sale in cui sono ospitate le videolottery in Italia e determinati luoghi definiti “sensibili”. La distanza può variare dai 500 ai 300 m, a seconda che il Comune sia più o meno grande. Per quanto riguarda i luoghi sensibili, in questi rientrano tutti luoghi in cui sono ospitati soggetti che potrebbero essere vulnerabili al gioco. Parliamo di ragazzi giovani o di anziani o di persone con determinate problematiche. Tra gli esempi di luoghi sensibili abbiamo gli istituti scolastici, centri sportivi, ospedali, centri per gli anziani. In alcuni casi anche gli sportelli bancomat vengono reputati luoghi sensibili. Le fasce orarie invece sono il secondo meccanismo. Si impone ai gestori delle sale che contengono slot e videolottery, di spegnerle per un tot di ore al giorno.

Regolamenti e controlli sulle vlt

Protagonisti dell’applicazione dei vari provvedimenti sono i comuni in prima linea nella lotta contro il gioco problematico. Questi enti possono stabilire specifiche relativamente alle distanze, ai luoghi sensibili, e anche indicare gli orari di chiusura o apertura.

Nel momento in cui si impongono delle regole, è anche buona norma che vengano rispettate. Non sempre però i gestori delle sale giochi vogliono farlo. Per facilitare i controlli è stato creato uno strumento che può aiutare alla gestione delle videolottery sul territorio. Come è stato annunciato di recente dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli è stata creata un’applicazione apposita. Questa consente di verificare l’osservanza delle ordinanze sugli apparecchi di gioco d’azzardo.

Questa applicazione si chiama SMART e al momento può essere utilizzata soltanto per controllare le videolottery. Non è utile, al momento, per controllare gli apparecchi come slot-machine e AWP. La motivazione sta nel fatto che le videolottery in Italia sono collegate in rete a un server centrale. Quindi più facilmente monitorabili.

L’applicazione Smart sarà a disposizione dei comuni che la potranno utilizzare per monitorare il funzionamento delle V LT in Italia. Inoltre tramite l’app riceveranno anche altre informazioni relative ai dati di gioco sul proprio territorio.

Smart, come funziona e cosa dice sulle videolottery

Come funziona questa applicazione? SMART consentirà ai comuni interessati di verificare il rispetto delle ordinanze sugli orari di gioco. E lo farà attraverso il controllo dei flussi di gioco su rete fisica.

I comuni avranno la possibilità di controllare i volumi di gioco, ma anche quella di visualizzare le mappe. Su queste mappe saranno indicati ospedali, scuole, luoghi di culto, e le sale adibite al gioco. Inoltre, cosa fondamentale, con Smart sarà possibile monitorare gli orari di accensione delle videolottery, che sono online perché tutte collegate a dei server.

I comuni tramite quest’applicazione riceveranno delle segnalazioni sugli esercizi e addirittura sugli apparecchi vlt che hanno violato le ordinanze. Si tratta di un primo passo verso una modalità di controllo del gioco sul territorio. In questo modo le violazioni potranno essere accertate e punite, favorendo le attività di gioco che vengono praticate nel rispetto della legge.

Ricordiamo che in Italia il gioco d’azzardo viene gestito dallo stato, in particolare il gioco a distanza che include slot machine e VLT videolottery online da AAMS. Per cui si consiglia di viverlo sempre come tale, in modo consapevole e responsabile.