Realtime blog trackingRealtime Web Statistics L'estate della Polizia ferroviaria: controlli, arresti e treni scortati
Cefalunews

L’estate della Polizia ferroviaria: controlli, arresti e treni scortati

La Polizia Ferroviaria nei mesi estivi, interessati da un intenso flusso di viaggiatori, ha garantito la sicurezza di quanti hanno scelto il treno per spostarsi intensificando la vigilanza per prevenire e reprimere reati e comportamenti illeciti in ambito ferroviario. Infatti, nel periodo estivo, compreso tra il 1° giugno ed il 1° settembre, sono state impiegate 2435 pattuglie in stazione (di cui 249 in abiti civili per servizi antiborseggio), 746 a bordo treno e 790 lungo la linea ferroviaria. La capillare presenza sul territorio ferroviario ha consentito di identificare 17453 persone sospette, scortare 1616 treni “critici” (circa 17 al giorno), controllare 235 veicoli, arrestare 2 persone, denunciarne altre 37 e rintracciare 6 minori scomparsi.

In particolare gli arresti hanno riguardato un soggetto responsabile di furto di materiale ferroso all’interno dello scalo di Palermo Centrale e un 59enne pregiudicato palermitano, resosi responsabile di tentato furto con destrezza ai danni di una turista olandese mentre era in procinto di salire su un pullman.

La vigilanza nelle Stazioni, lungolinea e a bordo dei convogli ferroviari è stata effettuata con la consueta discrezione ma anche attenzione per tutte le situazioni con elementi di criticità. A tal fine sono stati utilizzati anche i metal detector e le unità cinofile antidroga ed antiesplosivo per il controllo dei passeggeri e dei bagagli al seguito. Infine sono stati anche effettuati 619 servizi mirati di prevenzione e repressione finalizzati al contrasto dei furti di rame ed altri fenomeni delittuosi tipici del mondo ferroviario. 

Oltre all’attività prettamente operativa, la Polizia Ferroviaria ha dato assistenza a 360 ° ai cittadini in viaggio, compreso il prodigarsi per restituire ai viaggiatori distratti gli oggetti, anche di valore, dimenticati sui treni, a Palermo sono stati ritrovati i documenti e il notebook di due persone che poi hanno manifestato la loro riconoscenza tramite due lettere di apprezzamento per il lavoro della Specialità.

Share this