Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Sul reddito di cittadinanza: il meetup 5 stelle scrive al Municipio
Cefalunews

Sul reddito di cittadinanza: il meetup 5 stelle scrive al Municipio

«Con la seconda fase del reddito di cittadinanza , anche il Comune di Cefalù può usufruire della forza lavoro  dei percettori del reddito di cittadinanza». Lo comunica il Meet up 5 stelle cefaludese in una lettera inviata e protocollata al Comune di Cefalù, il 15 gennaio scorso avente ad oggetto: attività propedeutiche circa i progetti utili alla collettività ( PUC) per coloro che percepiscono il reddito di cittadinanza. Il meet up , infatti, informa l’Amministrazione Comunale di Cefalù che con la pubblicazione, lo scorso 8 gennaio, del decreto sulla Gazzetta Ufficiale, firmato lo scorso 22 ottobre dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Nunzia Catalfo, ha preso il via ufficialmente la seconda fase del reddito di cittadinanza. Fase in cui entrano in gioco i Comuni di residenza dei percettori del sussidio, che fino a questo momento non avevano goduto di alcun beneficio. Gli attivisti  cefaludesi evidenziano nella nota, che i beneficiari del reddito di cittadinanza sono tenuti a svolgere lavori di pubblica utilità all’interno dei progetti utili alla collettività (Puc), sulla base di quanto stabilito non solo dal decreto 4/2019, ma anche dal decreto attuativo pubblicato, appunto, l’8 gennaio scorso sulla Gazzetta Ufficiale dopo un accordo tra Ministero del Lavoro e Comuni.  

Con tale lettera il meet up locale , sollecita l’Amministrazione Comunale di Cefalù di attivare tutte le procedure necessarie affinché, tutti i percettori del rdc , in possesso dei requisiti necessari, possano prestare il loro tempo per conto del Comune. I Puc, così come si legge sulla Gazzetta, non rappresentano un rapporto di lavoro e pertanto i lavori di pubblica utilità non sono da considerarsi prestazioni di lavoro autonomo, subordinato o parasubordinato”.