Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Cefalù festival: la scrittrice Sarah Watson racconta la Nuova Zelanda
Cefalunews

Cefalù festival: la scrittrice Sarah Watson racconta la Nuova Zelanda

La giovane scrittrice della Nuova Zelanda sbarca al Cefalù Film Festival con due opere affidate ad altrettanti registi: Wolfgang Schmidt ed Edward Turnbull. Propone per la prima volta da noi un vecchio cortometraggio: Fuchsia’s Den e il recente Akitio, basato sulla poesia di James K Baxter, il poeta che visse con i Maori,  At Akitio.

Fuchsia’s Den è in inno contro al violenza sui minori, forte e ma poetico. La Fucsia orfana viene restituita al suo terribile patrigno, tuttavia il realismo magico la aiuta a fuggire.

Così risponde invece sul film Akitio:

“Ho scelto – afferma – questo per basarmi su Baxter perché sento che era davvero un poeta interessante, e sento che la sua poesia è così importante in quanto toglie le attenzioni e davvero, in un certo senso, parla da sé. Sono davvero un grande fan ed è stato molto prolifico. Ma è molto semplice: la sua poesia è interessante e mi commuove. Essendo anch’io un poeta compagno, è una fonte d’ispirazione per me!.

La poesia di Akitio si adattava perfettamente alla mia idea di film e ho riflettuto su come questo progetto potesse davvero concentrarsi sia su Baxter stesso, sia sulla sua poesia, e su come potessero intrecciarsi in una delicatezza visiva, questa è la mia visione. Molti considerano At Akitio uno dei suoi più grandi poemi. La poesia è completamente ipnotizzante e danza sulle labbra quando viene pronunciata, quasi deliziosa come il gambero che menziona nella poesia.

Pensi che lo stesso Akitio di Tararua sia cambiato molto da quando Baxter ha scritto il pezzo nel 1957? O la poesia delinea ancora ordinatamente questa costa?

Penso che a parte qualche sviluppo, la costa di Akitio conserva la sua sensazione aspra, grezza e stimolante. Sembra un posto speciale.

Raccontaci un po ‘del tuo cast.

Wolfgang Schmidt (Ngati Maniapoto) è il regista e Harry Summerfield, che ha recentemente recitato in Alien Addiction, interpreta Baxter. Entrambi hanno un entusiasmo eccezionale. Sono persone appassionate che credono nel progetto. Anche l’altro equipaggio è fantastico.

A quale genere stai mirando?

La nostra visione è art-house! Mi piacciono i film come Woodenhead di Florian Habicht e The Piano di Jane Campion , quindi questi hanno davvero influenzato il mio sapore riguardo a questo genere.

Adoro i film d’ autore e sento che Akitio è un progetto che potrebbe davvero abbracciare questo genere.

(Fonte: NZ Herald)

James K. Baxter è uno dei poeti più famosi della Nuova Zelanda. Nato a Dunedin, Baxter iniziò a scrivere poesie in tenera età; la sua prima raccolta di poesie, Beyond the Palisade (1944) , fu acclamata dalla critica sebbene avesse solo 17 anni e uno studente all’Università di Otago quando fu pubblicato. Ha seguito il suo successo iniziale con altri due volumi di poesie: Blow, Wind of Fruitfulness (1948) e il lungo poema Hart Crane: A Poem (1948). Baxter si iscrisse al Wellington Teachers ‘College nel 1951. La sua terza grande raccolta, The Fallen House (1953), fu pubblicata mentre lottava contro l’alcolismo. Alla fine si è laureato nel 1956.

La sua prima raccolta di poesie pubblicata a livello internazionale, In Fires of No Return: Poems (1957), fu influenzata dal suo risveglio personale attraverso il cattolicesimo. Oltre a riflettere la sua nuova prospettiva religiosa sulla vita, i suoi scritti hanno iniziato a prendere una visione più critica della società della Nuova Zelanda, soprattutto dopo aver ricevuto uno stipendio dell’UNESCO del 1958 che gli ha permesso di viaggiare ampiamente in Asia.

Durante il prossimo decennio, Baxter scrisse sia poesie che drammi accettando una Robert Burns Fellowship dell’Università di Otago. Il suo spettacolo radiofonico, Jack Winter’s Dream, gli è valso fama internazionale .Nel 1968, tuttavia, un sogno gli ordinò di andare a “Gerusalemme”. Convinto dalla sua visione, Baxter abbandonò il suo lavoro per trasferirsi in un piccolo insediamento Maori noto come Hiruharama, o “Gerusalemme”, sul fiume Whanganui.

Per i restanti anni della sua vita, Baxter visse  nell’insediamento Maori, scrivendo poesie che esploravano le sue forti convinzioni sociali e politiche. Dopo la sua morte nel 1972, Baxter fu sepolto a Gerusalemme nella terra dei Maori, con una cerimonia che combinava tradizioni Maori e cattolica.