Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Fornitura protesi, ausili e presidi. Informatizzato il servizio dell’Asp
Cefalunews

Fornitura protesi, ausili e presidi. Informatizzato il servizio dell’Asp

Non bisognerà più recarsi negli uffici dell’Asp rimanendo in attesa dell’autorizzazione alla fornitura di protesi, ausili e presidi. L’Azienda sanitaria provinciale di Palermo ha informatizzato la procedura consentendo, così, agli utenti di chiedere e ricevere nella propria casella di posta elettronica il codice corrispondente all’autorizzazione del dispositivo medico richiesto. Il codice va comunicato al fornitore. Quest’ultimo, con account personalizzato, visualizzerà l’autorizzazione e potrà, quindi, procedere alla fornitura del dispositivo medico prescritto dallo specialista. L’iter è semplice ed è stato, già, sperimentato con successo nel periodo del lockdown. Sono state 38.065 le autorizzazioni validate tra marzo e giugno ad altrettanti utenti che hanno ricevuto la documentazione rimanendo a casa. Per la fornitura di dispositivi di assistenza protesica (carrozzine, deambulatori, busti o letti), gli utenti dovranno inviare una mail all’ufficio distrettuale di appartenenza allegando la seguente documentazione in formato digitale: Istanza firmata dall’assistito (il modello è scaricabile dalla homepage del sito internet dell’Asp all’indirizzo www.asppalermo.org); Prescrizione specialistica; Invalidità civile; Documento di identità in corso di validità; Tessera sanitaria.
“Gli utenti – ha spiegato il Direttore generale dell’Asp di Palermo, Daniela Faraoni – hanno dimostrato di apprezzare la procedura che, evidentemente, è ormai entrata nel bagaglio culturale dei nostri cittadini. In regime di emergenza per il lockdown, abbiamo confidato sulle capacità di adattamento degli utenti e, alla fine dell’emergenza, grazie ai risultati ottenuti, stiamo passando al consolidamento delle procedure. La resilienza è sempre la forza che consente di superare le situazioni drammatiche trasformandole in opportunità di crescita del sistema”.