Un centro vaccinale al Giglio di Cefalù: lo chiedono i sindaci

Un centro vaccinale all’ospedale Giglio di Cefalù. La richiesta arriva dal sindaco di Cefalù, Rosario Lapunzina, che ha scritto una sua missiva Al Commissario Straordinario per l’Emergenza Covid-19, Renato Costa. La richiesta è fatta a nome di tutti i sindaci del distretto sanitario 33 di cui il comune di Cefalù è capofila.

Per Lapunzina e i sindaci del territorio è necessario «attivare, con immediatezza, un Centro vaccinale contro il Covid-19 presso l’ospedale “G.Giglio” di Cefalù, al fine di rendere più celere la fase della campagna vaccinale destinata alla popolazione con più di 80 anni di età, afferente al bacino dei comuni ricadenti nell’ambito del Distretto socio-sanitario n. 33». Tutto questo, per i sindaci, porterebbe ben quattro vantaggi. Anzitutto la facilità di raggiungere il centro da parte della popolazione destinataria della campagna vaccinale residente nei comuni del Distretto 33. L’ospedale, inoltre, possiede tutti i requisiti logistici e sanitari in grado di consentire la corretta conservazione del vaccino alla temperatura prevista dai protocolli sanitari. Il terzo vantaggio è nel fatto che il contesto ospedaliero rende sicura l’inoculazione del vaccino consentendo di far fronte ad eventuali situazioni emergenziali conseguenti a possibili reazioni allergiche o altri eventuali effetti collaterali anche conseguenti all’età elevata dei soggetti da trattare. Infine, quarto vantaggio, la razionalizzazione delle risorse umane e logistiche destinate a porre in essere questa importante fase della campagna vaccinale, con conseguente compressione dei tempi di effettuazione della stessa.