Venerdì 12 Febbraio, ore 19.00, incontro con il Maestro Alberto Maniaci

Il Festival del Cinema di Cefalù incontra il Direttore d’Orchestra Maestro Alberto Maniaci. In diretta streaming sulla pagina social Festival del Cinema Cefalù, Venerdì 12 Febbraio ore 19.00,  risponderà alle domande di Daniela Guercio, che conduce le dirette. Collegato anche i giornalisti Mario Macaluso, Direttore del Festival,  e Giacomo Sapienza, Direttore Artistico del Festival.
Alberto Maniaci – Direttore d’Orchestra, Compositore, Pianista
Alberto Maniaci è nato a Palermo nel settembre del 1987. Ha conseguito i Diplomi in Pianoforte, Composizione e Direzione d’orchestra con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio “Vincenzo Bellini” di Palermo. Allievo di Piero Bellugi e di Ennio Nicotra per la direzione d’orchestra e di Marco Betta per la composizione, nel 2016 è stato l’unico direttore allievo italiano di Riccardo Muti per la seconda edizione della “Riccardo Muti Music Academy”. Nel 2012 vinto il terzo premio al V concorso internazionale per direttori d’opera “Luigi Mancinelli” di Orvieto e nello stesso anno ha vinto il “Premio delle Arti” sezione direzione d’orchestra, organizzato dal Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca presso il Conservatorio “Alfredo Casella” de L’Aquila.
Ha diretto la Peter The Great Music Academy di San Pietroburgo, l’Orchestra Jazz Siciliana, la Florence Symphonietta, Orchestra Sinfonica del Conservatorio Vincenzo Bellini di Palermo, la Mediterranean Chamber Orchestra, l’Orchestra Sinfonica Giovanile Internazionale “Fedele Fenaroli” di Lanciano, l’Istituzione Sinfonica Abruzzese, l’Orchestra da Camera Fiorentina, l’Orchestra Regionale Filarmonia Veneta, l’Orchestra della Magna Grecia e l’Orchestra Giovanile Mediterranea, compagine orchestrale da egli stesso fondata con la quale ha effettuato numerose tournee in Italia e recentemente in Libano. Nel 2014 ha debuttato con l’Orchestra Sinfonica Siciliana con la Petite Messe Solennelle di G. Rossini e nel 2015 con l’Orchestra del Teatro Massimo di Palermo, iniziando una proficua collaborazione che lo ha portato a firmare numerosi progetti artistici in qualità di arrangiatore e autore; ricordiamo tra questi “Oh che armonico fracasso!” liberamente tratto da “Il Maestro di Cappella” di Domenico Cimarosa, “Il duello alcomico” liberamente tratto da “Il duello comico” di Giovanni Paisiello, “Teresa Valery” con Teresa Mannino e la regia di Alberto Cavallotti e ha diretto per il progetto “Figaro! Opera Camion” il Barbiere di Siviglia di G. Rossini e la produzione “Le Nuvole di Carta” di G. D’Aquila e G. Borruso.
Ha collaborato in veste di direttore con i pianisti Tamas Vasary e Giuseppe Andaloro, con il contrabbassista Alberto Bocini, con il violinista Simone Bernardini, con il trombettista Paolo Fresu, con gli ottavinisti Nicola Mazzanti, Gudrun Hinze, Marta Rossi e Rena Urso e con il batterista Ian Paice, mentre in veste di arrangiatore ha collaborato con Desireè Rancatore, Vincenzo La Scola e Katia Ricciarelli.
E’ stato Maestro Collaboratore presso il Teatro Massimo di Palermo dal 2010 al 2013 per numerose produzioni liriche. Dal 2014 è docente di Teoria e Pratica Musicale per la Danza e accompagnatore alla danza presso il Liceo Coreutico “Regina Margherita” di Palermo. Dal 2017 è docente di Orchestrazione e Concertazione Jazz ed Esercitazioni Orchestrali presso l’Istituto Musicale “Arturo Toscanini” di Ribera (Ag)
Nel luglio del 2018 ha diretto le opere “Don Pasquale” e “L’Elisir d’amore” di G. Donizetti per la stagione estiva del “Teatro Massimo” di Palermo mentre nella stagione 2019 del Teatro Massimo di Palermo ha diretto “La Traviata”. Nel dicembre del 2019 dirigerà “Il Trovatore” presso l’Ente Concerti M. De Carolis di Sassari.
Ha diretto la  serata speciale a MIlano dedicata al Maestro Morricone.
Dal 2014 è docente di Teoria e Pratica Musicale per la Danza e accompagnatore alla danza presso il Liceo Coreutico “Regina Margherita” di Palermo. Dal 2017 è docente di Orchestrazione e Concertazione Jazz ed Esercitazioni Orchestrali presso l’Istituto Musicale “Arturo Toscanini” di Ribera (Ag).