Mangiare 2 albicocche tutte le sere 10 minuti prima di dormire. Cosa succede al cuore, alla glicemia e al colesterolo?

Le albicocche sono i frutti che aiutano di più a conciliare il sonno. Sono il frutto calmante per eccellenza. Questo al potassio, al bromo e alla vitamina B che contengono. Le albicocche aiutano quanti soffrono di insonnia ed è ottima anche secca.

Quali sono i benefici delle albicocche?

Le albicocche sono buone per la salute cardiovascolare perché offrono il betacarotene. Proteggono la pelle e stimolano la produzione di melanina. Prevengono la stipsi perché possiedono uno zucchero chiamato sorbitolo. Le albicocche migliorano la vista grazie alla luteina e alla zeaxantina che apportano. Regolano il battito cardiaco perché offrono il potassio. Sono importanti in caso di spossatezza e sono davvero ottime come spuntino per riprendere energia.

A cosa fanno male le albicocche?

Le albicocche non vanno mangiate da chi soffre di ulcera e da chi ha problemi con i calcoli renali. Chi soffre di pollinosi deve stare attento quando mangia le albicocche. Possono dare sintomi fastidiosi come arrossamento e prurito alla bocca. Ma anche rigonfiamento delle labbra e del palato, irritazione e gonfiore della gola.

Cosa contengono le albicocche?

La lbicocche sono ricche di vitamina E. Un etto ne apporta circa 1 milligrammo. Altre buone fonti sono le olive, le arachidi, il mais, le noci e le verdure a foglia verde. l’avocado, i mirtilli, le more e l’uva, tutti con circa 15-20 µg per etto. Svolge un ruolo importante nella prevenzione del cancro. Protegge dai danni di inquinamento e fumo di sigaretta. La sua carenza può causare un deficit dei riflessi e della coordinazione ma anche difficoltà nel camminare e debolezza muscolare.

Quali cibi fanno dormire meglio?

Sono quelli che aiutano a rilassare le diverse funzioni dell’organismo. In particolare vanno bene pasta, riso, pane, orzo e lattuga. Ma anche radicchio rosso, cipolla, aglio e zucca. Si possono mangiare anche rape, cavolo, yogurt e uova bollite. In particolare la pasta, il riso, e il pane contengono il triptofano. E’ un aminoacido che favorisce benessere, rilassamento e sonno profondo.

I piselli fanno bene alla glicemia?

I piselli possiedono un basso indice glicemico. Per questo sono un cibo che fa bene a chi deve tenere a bada la glicemia e l’insulina. Secondo una ricerca pubblicata su Archives of Internal Medicine di JAMA sono uno degli alimenti più indicati per chi ha la glicemia alta. Prevengono anche le malattie cardiovascolari e quindi contrastano la glicemia. Apportano diversi nutrienti. Sono anche ricchi di diverse vitamine. Sono una ottima fonte di minerali importanti per la glicemia.