Da Artétika, a Palermo, opening della mostra “Cuore non mente” di Ivana Di Pisa con il cunto di Salvo Piparo

Da Artétika, a Palermo, opening della mostra “Cuore non mente” di Ivana Di Pisa con il cunto di Salvo Piparo
Sogno e disperazione, grigi scuri e città degradate sotto, e sopra cieli azzurri e bagliori gialli. È una storia di rinascita continua, l’arte pittorica dell’artista palermitana Ivana Di Pisa che, venerdì 14 aprile, alle ore 18.30, da Artètika, spazio espositivo per l’anima, in via Giorgio Castriota, 15, has inaugurato la sua mostra intitolata “Cuore non mente”, affiancata dal noto cuntista Salvo Piparo. La gallerista e curatrice Esmeralda Magistrelli, ha selezionato 27 opere, fra tele ad olio su carta e dipinti su tela ad acrilico. Sarà visitabile fino al 30 aprile, dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 17:00 alle 20:00, dal lunedì al sabato. Ingresso libero. Info al 333.5747244.
Chi è l’artista Ivana Di Pisa
«Ivana di Pisa è una donna senza età, fresca e giovane, adulta e sofferta, che dipinge la sua storia – secondo la gallerista Gigliola Beniamino -. I suoi lavori esprimono disperazione e sogno, tristezza e dolore e, al contempo, liberano il cuore dalla malinconia che si trasforma in sogno. Nelle sue tele convivono il grigio scuro delle città degradate, e il giallo, l’arancio e l’azzurro che illuminano i cieli, a testimoniare una rinascita continua».
Ivana Di Pisa, dal 1974, ha sviluppato un ampio percorso culturale supportato da studi ed esperienze diverse, alla ricerca di espressioni artistiche sempre più evolute e con l’impiego di materiali più vari. Di questa ricerca fanno parte la pittura ad olio, la grafica, la ceramica e la tecnica della decorazione su legno, dando vita a mobili e suppellettili ormai in disuso anche in chiave ironica o ludica. Attualmente, la sua attenzione è rivolta alla carta ed alle sue capacità espressive che, attraverso la tecnica della cartapesta, diventano creazione di texture materiche sotto forma di stratificazioni. Ha uno studio a Palermo, dove tiene corsi di decorazione.
Articolo di Milvia Averna, Agenzia di Stampa
Inviato in redazione da Paolo Taormina, giornalista

Cambia impostazioni privacy
Torna in alto